Controlli sul territorio, sì al secondo lotto  di videosorveglianza
La Comunità montana: dalla conferenza dei servizi il via libera alle telecamere

Controlli sul territorio, sì al secondo lotto

di videosorveglianza

C’è il via libera della conferenza di servizi: le telecamere leggeranno le targhe sugli snodi principali. Coinvolti nel progetto gli enti locali e la polizia associata

Arriva il sì della conferenza di servizi a dare il via libera al secondo lotto di intervento per il completamento del sistema di videosorveglianza su tutto il territorio mandamentale.

La Comunità montana e i Comuni hanno concluso la definizione della seconda parte dell’iniziativa, dopo l’entrata in funzione del primo gruppo di 8 telecamere per la lettura delle targhe dei veicoli in transito negli snodi principali di accesso ai paesi del mandamento che non sono già coperti da un controllo.

Per definire i punti del territorio dove posizionare le nuove postazioni di lettura delle targhe e individuare tutte le vie di accesso al mandamento che dovranno essere coperte dal servizio sono stati coinvolti sia gli enti locali che la polizia associata, oltre alle forze dell’ordine per l’integrazione con il sistema di telecamere già attivo.

I Comuni coinvolti nella conferenza di servizi decisoria sono quelli di Ardenno, Buglio in Monte, Civo, Rogolo, Morbegno, Talamona, Traona, Dubino, Piantedo e Gera Lario nel territorio della provincia limitrofa. Interessati anche la Provincia e la Regione oltre ad Anas. Il progetto costituisce il completamento funzionale del primo lotto della videosorveglianza ultimato nel corso del 2016 e riguarda la realizzazione lungo i principali nodi viari del mandamento e in diversi Comuni, di punti di videosorveglianza con telecamere per lettura targhe con la trasmissione di dati wifi con impiego dei ponti radio esistenti in località Poira di Civo, Buglio in Monte, sede della protezione civile della Cm e località Arzo di Morbegno oltre a quelli nuovi che verranno realizzati a Piantedo in località campo sportivo e a Dubino in località Careciasca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA