Controlli della velocità in via Volta  Strada sicura con l’occhio elettronico
Via Volta ci sono state polemiche anche per le troppe pozzanghere

Controlli della velocità in via Volta

Strada sicura con l’occhio elettronico

«Lavoriamo al progetto, vogliamo chiudere l’intervento entro l’anno»

Si tratta di una strada ad alto scorrimento, è impensabile introdurre misure come i dossi

Via Volta più sicura entro l’anno con il controllo elettronico della velocità. Delle misure per tenere sotto controllo chi esagera con l’acceleratore si parla ormai da qualche anno, ma forse questa volta è quella buona.

L’idea di cercare di risolvere, almeno in parte, i problemi di sicurezza della zona, via Volta è in pratica il lunghissimo rettilineo della Provinciale Trivulzia, che a Chiavenna termina dopo aver tagliato in due l’abitato dell’area residenziale tra Bette e i Raschi, tramite un impianto fisso in grado di rilevare la velocità dei veicoli in transito e sanzionare chi sgarra, con una funzione in prospettiva soprattutto di prevenzione, era stata presentata la prima volta lo scorso anno in occasione della conferenza stampa del comando di Polizia Locale di Chiavenna

«Si tratta di un progetto sul quale stiamo ancora lavorando – commenta l’assessore alla viabilità del Comune di Chiavenna Davide Trussoni – ma crediamo che presto ci saranno novità. L’obiettivo è concludere l’intervento entro l’anno». Nel bilancio di previsione approvato a fine 2016 non ci sono stanziamenti per l’installazione del rilevatore, ma in questo caso non è sicuramente l’aspetto economico, tutto sommato marginale, a preoccupare. Alla fine del 2015 fu la stessa amministrazione comunale a dare voce alle decine di segnalazioni che arrivano. Segnalazioni ben note che vanno dallo stato dell’asfalto, alle grandi masse di acqua sollevato dal passaggio dei mezzi dopo la pioggia, tanto che qualcuno in passato si è trovato l’acqua in casa, fino soprattutto alle condizioni di sicurezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA