Contatori dell’acqua, i residenti preferiscono il forfait

Contatori dell’acqua, i residenti preferiscono il forfait

Lo zoccolo duro di “resistenti” al pagamento del reale consumo idrico si trova per lo più in Alta Valle con Bormio in testa.

A fare il punto sullo stato dell’arte dei misuratori installati, a più di un anno dalla campagna iniziata nell’ottobre del 2015, sono l’amministratore delegato Gildo De Gianni, affiancato dal presidente Alfio Sciaresa e da Brigitte Pellei, responsabile del Servizio idrico integrato di Secam.

«Abbiamo ereditato dai Comuni una situazione che vedeva una consistente parte degli utenti sprovvisti di misuratori - ricorda De Gianni -, circa un terzo delle utenze e 32 Comuni. In questo periodo c’è stato un forte impegno per far capire soprattutto agli utenti che pensavano di pagare troppo che il contatore non è soltanto un obbligo, ma costituisce un vantaggio non solo per il singolo, ma per l’intera collettività».

Una campagna recepita positivamente dai non residenti, ma che ha lasciato quasi del tutto indifferenti i residenti. Nei comuni dell’Alta Valle, ad esempio, con la sola eccezione di Livigno, dove i contatori ci sono, nonostante l’alta incidenza di utenti non residenti, i più pronti a chiedere l’installazione del contatore, la percentuale delle richieste è molto bassa, intorno al 20%. Per contro, in piccoli comuni quali Bema e Pedesina si supera il 90%, a San Giacomo Filippo, Castello dell’Acqua, Madesimo e Tartano la percentuale è intorno al 70%.

Grandi difformità motivate dall’impegno messo in campo da alcuni sindaci, che si sono prodigati per divulgare l’importanza dell’installazione, e forse anche dai consumi che, è il caso soprattutto dell’Alta Valle, sono mediamente molto più alti rispetto ai 153 metri cubi all’anno di acqua, fissati a forfait dall’Autorità d’ambito della Provincia di Sondrio, pagati da chi è sprovvisto di contatore.Qualche esempio: a Sondrio, città dotata di contatori, il consumo medio annuo ad utenza è di 150 metri cubi, a Bormio salgono a 791.


© RIPRODUZIONE RISERVATA