Contagi in discesa  non preoccupa Teglio

Contagi in discesa

non preoccupa Teglio

Tre classi coinvolte, 84 in isolamento, 23 positivi, tre in ospedale, Preoccupano anche Sondrio e Morbegno

È in contenimento, il contagio da Covid, in provincia di Sondrio, anche se ci sono alcune realtà, sulle quali, l’attenzione, merita di essere riposta, perché una certa diffusione è ancora presente. Si tratta di Sondrio e di Morbegno, cui si è aggiunta, nelle ultime ore, anche Teglio.

Nella prima, i nuovi casi sono stati 12, negli ultimi tre giorni, ed erano stati 21 nei tre giorni precedenti, mentre a Morbegno si sono avuti sei casi negli ultimi tre giorni e 14 negli altrettanti precedenti. Per un totale di 1.652 casi da inizio pandemia a Sondrio, pari al 7,65% della popolazione, e di 1.046 casi su Morbegno, pari all’8,43% dei residenti.

Anche se, per quanto riguarda Sondrio, l’incidenza sulla popolazione resta inferiore alla media provinciale, che è dell’8,06%, tenuto conto che il picco si ha sulla piccola Vervio, con 31 contagi da inizio pandemia sul 14,62% della popolazione, seguita da Caspoggio, 189 casi totali, il 13,76% dei residenti, e da Grosio, con 607 casi totali, il 13,72% della popolazione.

«Due mesi abbiamo trascorso “al fronte” - dice Danilo Bruseghini, sindaco di Caspoggio -, ma, ora, siamo in ripresa, con soli 10 casi attivi e nessun ospedalizzato. Speriamo di procedere così».

Speranza che nutriva anche il sindaco di Teglio, Elio Moretti, dove il contagio sembrava del tutto sotto controllo e che, invece, fra sabato e domenica, ha visto aumentare a 84 il numero delle persone in isolamento per via del coinvolgimento di tre classi. Tutti a casa, infatti, gli studenti di 5a Elementare e 3a Media di Teglio e di 3a Media di Tresenda. Pari a 23 i positivi totali in paese, di cui tre ospedalizzati. Resta in campana, quindi, il sindaco di Teglio e invita alla massima prudenza, anche se, a livello complessivo, la luce in fondo al tunnel è una realtà.

Sia perché i numeri parlano di un contagio contenuto in 23 nuovi casi, sabato, in base al dato di Ats della Montagna, e in 36 ieri, in base al dato di Regione Lombardia, sia perché il ritmo delle vaccinazioni aumenta, e, da martedì, vedrà il coinvolgimento anche dell’hub di Villa di Tirano.

Sempre superiore al dato riferito ai nuovi casi, in settimana, anche quello relativo ai guariti, sabato pari a 27, il che comporta un costante ridimensionamento dei casi attivi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA