Consiglio provinciale, via le deleghe e gruppo autonomo per Negrini

Consiglio provinciale, via le deleghe e gruppo autonomo per Negrini

Il sindaco di Lanzada ha annunciato quello che alla moda vecchia si sarebbe chiamato appoggio esterno all’amministrazione provinciale di Luca Della Bitta.

L’intenzione di Marco Negrini è quella di creare, insieme agli altri due consiglieri provinciali sulle barricate, Massimo Chistolini (assente alla seduta di consiglio per motivi personali) e Franco Masanti, un gruppo consiliare autonomo. «Non lo facciamo come segno di rottura o di mancanza di stima, quanto piuttosto per garantirci maggiore libertà».

Il malcontento era nell’aria da giorni, da dopo l’assemblea di Secam quando proprio i tre, insieme ad altri amministratori, votarono in maniera differente rispetto alla linea della Provincia. Un atteggiamento costato critiche, pesanti, e anche la richiesta di dimissioni da parte di alcuni colleghi amministratori.

Le dimissioni non sono arrivate, ma un segnale di distinzione sì, insieme alla rivendicazione di mani libere per il presente e soprattutto l’imminente futuro, quello che ad ottobre porterà a votare il referendum costituzionale che potrebbe cambiare le sorti di Valtellina e Valchiavenna.


Leggi l’approfondimento sull’Edizione de La Provincia di Sondrio in edicola il 15 maggio

© RIPRODUZIONE RISERVATA