Concorso Secam, premiate le scuole
La classe prima della scuola primaria di Villapinta-Buglio al momento della premiazione (Foto by foto gianatti)

Concorso Secam, premiate le scuole

Cerimonia di consegna dei riconoscimenti di “RisparmiACQUAndo si impara” ai vari istituti della Valle. Alle elementari ha prevalso Villapinta, alle medie la Trombini di Tirano - Il Nervi-Ferrari si impone alle superiori.

«Se sprechi una goccia d’acqua, perdi un’opera d’arte». Tanto efficace quanto geniale il messaggio lanciato dallo spot ideato da Bilal Nafi, alunno della terza D della media Trombini di Tirano, prima classificata nella categoria “Scuola secondaria di primo grado” del concorso “RisparmiACQUAndo si impara” promosso da Secam. Tra le primarie si sono imposti gli alunni della classe prima della scuola di Villapinta-Buglio con le loro t-shirt “eco-friendly”. Per le superiori ha prevalso la quarta Ag (Arti grafiche) del liceo artistico Nervi-Ferrari di Morbegno. A ogni classe in premio un assegno da mille euro, consegnato ieri nella sala consiliare di palazzo Muzio a Sondrio dal presidente di Secam Alfio Sciaresa insieme a Ivan Garavaglia, che in azienda tiene i rapporti con le scuole.

Alla cerimonia hanno partecipato anche Ivano Moschetti e Nello Colombo, entrambi in giuria, il primo rappresentante dell’Ufficio scolastico territoriale, il secondo giornalista.

«Grazie a tutte le scuole che hanno accettato la sfida - ha affermato Garavaglia -, in quanto credo che questa iniziativa sia fondamentale per l’educazione delle nuove generazioni: ragazzi siate portatori di buone pratiche per il risparmio dell’acqua, tema cruciale, ancor di più in un ambiente come il nostro ricco di risorse idriche da salvaguardare».

«Sono molto contento - ha aggiunto Sciaresa -, che i giovani si mettano in gioco e riescano a impegnarsi, anche grazie ai loro insegnanti con cui mi complimento per valorizzare un bene come l’acqua importante per la vita. Notevole la qualità degli elaborati in gara: avete ideato creazioni bellissime, che acquisiscono maggior valore visto che voi siete il futuro». Ringraziamenti a «docenti e studenti» anche da Moschetti: «Avete dato prova di sensibilità verso un tema importante come quello del risparmio e del consumo dell’acqua: ci auguriamo che voi studenti possiate sensibilizzare i vostri coetanei», ha proseguito portando i saluti del dirigente dell’Ust Fabio Molinari, mentre Colombo ha puntualizzato come «esaminare i lavori in concorso sia stato per noi come fare un viaggio nel mondo evolutivo».

I primi a ritirare il premio sono stati i più piccoli con una t-shirt personalizzata disegnata e pensata da ogni alunno, come ha spiegato Kate, una biondina portavoce della primaria di Villapinta-Buglio. «Partendo da alcuni quadri famosi mi è venuta l’idea e ho pensato: “Se non abbiamo l’acqua, perdiamo anche le opere d’arte”», ha spiegato Bilal accompagnato dalla dirigente del comprensivo di Tirano Luisa Porta e dal docente Alessandro Ruggeri, che musicato lo spot.

Creati a computer con Photoshop e Illsutrator i cartelloni della quarta Ag, tutti in difesa dell’oro blu: «Questo concorso è stato molto utile – ha assicurato Nicole Biavaschi, studentessa della classe -, sia personalmente, che in famiglia e per i nostri coetanei. Ognuno di noi ha inteso il risparmio a modo proprio, cercando di mettere in luce quanto senza l’acqua non ci sia vita».


© RIPRODUZIONE RISERVATA