Con la Vespa contro una Punto: muore giovane di 25 anni di Prata
I rilievi della polizia stradale di Mese (Foto by Domiziano Lisignoli)

Con la Vespa contro una Punto: muore giovane di 25 anni di Prata

Gabriele Nesossi, residente a poche centinaia di metri dal luogo dell’incidente, è stato soccorso e trasportato all’ospedale in condizioni gravissime. Ma ogni tentativo di salvarlo, purtroppo, è stato inutile. Il giovane valchiavennasco ha perso la vita alle 20.50 di ieri.

In un tragico incidente stradale avvenuto ieri sera nella zona industriale di Prata Camportaccio, in Valchiavenna, ha perso la vita un giovane che in sella alla sua Vespa si è scontrato con un’auto. La vittima è Gabriele Nesossi, di 25 anni, che risiedeva a Prata Camportaccio. Il giovane ha imboccato una strada stretta nell’area artigianale del paese, in sella a una Vespa, e dopo pochi metri si è scontrato con una Fiat Punto. L’impatto è stato violentissimo. Nesossi, residente a poche centinaia di metri dal luogo dell’incidente, è stato soccorso e trasportato all’ospedale in condizioni gravissime. Ma ogni tentativo di salvarlo, purtroppo, è stato inutile. Il giovane valchiavennasco ha perso la vita alle 20.50 di ieri.

I soccorsi sono scattati subito dopo l’incidente, avvenuto alle 19,30. Le equipe di due ambulanze e successivamente quella dell’eliambulanza di Como hanno prestato le prime cure sul posto al ferito, apparso in condizioni gravissime per il trauma subito nell’impatto con la vettura. Per decine di minuti sono state praticate le manovre di rianimazione.

A circa un’ora dallo scontro, il paziente è stato caricato su un’ambulanza ed è trasportato all’ospedale di Chiavenna. Il giovane di Prata Camportaccio, secondo quanto comunicato dalle forze dell’ordine, è deceduto poco prima delle 21 all’ospedale di Chiavenna. L’eliambulanza si è alzata in volo dalla piazzola di Mese per fare rientro a Como. La polizia stradale di Mese guidata dal comandante Marco Raffa è intervenuta per i primi rilievi, supportata dai carabinieri della Compagnia di Chiavenna.


© RIPRODUZIONE RISERVATA