Colmen, iniziata la caccia ai cervi  Sono già stati abbattuti 34 capi
Un gruppo di cervi fotografati a Dazio in una foto d’archivio

Colmen, iniziata la caccia ai cervi

Sono già stati abbattuti 34 capi

Si potrà sparare solo al giovedì fino al 6 dicembre. In tutto 45 gli animali da sopprimere

«Una necessità per tenerne a bada la popolazione. È positivo aver escluso il sabato dal piano»

É partita la caccia sulla Colmen di Dazio autorizzata dalla Provincia con l’obiettivo di controllare il numero di cervi presenti sulla montagna che si estende fra Dazio, Morbegno e Ardenno. La caccia sarà possibile sino al 6 dicembre nel solo giorno di giovedì.

L’accesso alla zona è limitato ad un numero massimo di venti cacciatori per giornata di caccia; la distanza di tiro non deve superare i 250 metri. «Negli anni passati la caccia di selezione al cervo è una necessità per tenere a bada la popolazione degli ungulati che era aumentata in modo incontrollato – dice il sindaco di Dazio, Antonio Cazzaniga-. Si tratta di una caccia regolamentata per conservare l’equilibrio numerico delle specie in questione. Di positivo è essere riusciti a restringere il piano di abbattimento ad un solo giorno la settimana, cioè il giovedì, ed essere riusciti ad evitare la caccia il sabato, giorno in cui notoriamente la Colmen è più frequentata per passeggiate».

Nel dettaglio, in seguito alle proposte di piano di prelievo del Comprensorio alpino di Morbegno, visti poi i censimenti delle popolazioni di ungulati effettuati dai cacciatori, si è definito il calendario di abbattimento del cervo nella zona speciale di Dazio, soggetta a “divieto caccia eccetto prelievo regolamentato al cervo”: sulla Colmen si potranno abbattere 45 capi (contro i 40 dell’anno scorso) suddivisi in 13 piccoli, 6 maschi giovani, 7 femmine giovani (fino a un anno) e 19 adulte; nessun maschio adulto. Sinora sono stati abbattuti 6 maschi giovani, 4 femmine giovani, 19 femmine adulte e 5 piccoli classe zero; 34 quindi gli ungulati abbattuti in totale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA