Collaudo passato  Passerella pronta  per sabato prossimo
La passerella sul Mallero si staglia già da mesi nel panorama della città verso la Valmalenco

Collaudo passato

Passerella pronta

per sabato prossimo

Cassandre Il sindaco: «Esito soddisfacente, ci siamo»
Il cantiere è stato rallentato per carenza di materie prime

Trenta ottobre, trenta giorni in più rispetto all’ultima proroga concessa, ma ormai poco meno di una decina di giorni.

Slitta a fine mese il nuovo termine dei lavori per la realizzazione della passerella alle Cassandre, l’attesissimo ponte ciclopedonale destinato a collegare i due versanti di Ponchiera e Mossini e a fare da attrattore turistico per gli appassionati delle due ruote e delle passeggiate tra i terrazzamenti visto che completa l’ampio anello escursionistico che unisce il Sentiero Valtellina, la città, il Sentiero Rusca e la Via dei terrazzamenti.

Nelle scorse settimane il Comune ha approvato la perizia di variante e suppletiva, la seconda in opera, redatta dal direttore lavori, l’ingegner Marco Moncecchi, che insieme ad alcune opere aggiuntive di miglioramento, fissa alla fine di questo mese la conclusione dei lavori e la consegna della struttura che nel frattempo ha però già passato i collaudi resi necessari dalla sua natura, per così dire ardita.

Siamo ormai al conto alla rovescia per la passerella a 100 metri di altezza sul letto del torrente Mallero i cui lavori sono stati aggiudicati un anno fa (era il 14 ottobre). L’ultima approvata è la quarta, dilazione di tempi concessa da palazzo Pretorio alla ditta Tmg scavi che, in associazione temporanea d’impresa, con la ditta Cmm Fratelli Rizzi di Vezza d’Oglio ha vinto l’appalto per un importo di 920mila euro più Iva.

La prima proroga di 104 giorni rispetto ai tempi contrattuali era stata approvata insieme alla prima perizia di variante in corso d’opera ad aprile, portando il nuovo termine al 30 luglio. Anche per quella data era stato però chiesto uno spostamento in avanti: altri 49 giorni.

Il 16 settembre, un giorno prima della nuova scadenza, l’impresa mandataria, la Tmg, ha avanzato un’ulteriore domanda di proroga per l’ultimazione dei lavori. Dieci giorni in più motivati dalle difficoltà nell’approvvigionamento dei materiali che hanno determinato il rallentamento nell’esecuzione delle opere, spostando la consegna del cantiere al 27 settembre.

Ora la seconda variante in corso d’opera dice 30 ottobre. Dopodiché non resterà che attendere la sua apertura.

Il 20 novembre la passerella è già opzionata, da tempo, per il passaggio della 21 e della 42 chilometri della Valtellina Wine Trail, la gara giunta alla sua ottava edizione presentata ufficialmente a Roma, in Vaticano.

E anche in quella sede è stato posto l’accento sulla grande novità di quest’anno, il fatto cioè che gli atleti in partenza da Chiuro (quelli della mezza) e da Tirano (chi corre la distanza della maratona) percorreranno la nuova spettacolare passerella a sbalzo sul Mallero oltre ad attraversare le 11 cantine vitivinicole. Resta da capire se saranno loro i primi o se il taglio del nastro avverrà prima.

«I lavori di finitura procedono bene, nonostante i problemi di approvvigionamento dei materiali - dice il sindaco di Sondrio Marco Scaramellini, conscio della grande attesa intorno alla struttura che ha sofferto, così come molti altri cantieri delle difficoltà legate al boom edilizio legato ai bonus -. Le operazioni di collaudo sul ponte si sono concluse con risultati soddisfacenti e quindi siamo certi che a breve potremo aprire la nuova passerella».


© RIPRODUZIONE RISERVATA