Colico, Un parco cittadino  dove regna il degrado nell’ex Cariboni
L’area degradata dell’ex Cariboni diverrà un centro polifunzionale turistico

Colico, Un parco cittadino

dove regna il degrado nell’ex Cariboni

Presentato il progetto di riqualificazione Diverrà un’area polifunzionale a servizio del turismo: Infopont, ciclopista, bikesharing , ciclofficina e verde

Al posto della degradata area dell’ex Cariboni sorgerà un parco cittadino con verde, servizi informativi e di bikesharing, passando da area industriale a centro polifunzionale per il cicloturismo, soprattutto, e la comunità.

Il progetto di rigenerazione urbana è stato illustrato al pubblico, all’auditorium “Michele Ghisla” dall’ingegner Ilaria Bresciani della WeProject di Brescia.

Divisone della spesa

Il costo complessivo, esposto dall’assessore al bilancio Davide Ielardi, è di 2,4 milioni di euro: 950mila euro finanziati dalle “Aree interne”, 900mila euro incassati dalla vendita di una terreno in area industriale, 350mila euro ottenuto dalla Comunità montana, al 50% a fondo perso ed al 50% restituibili in venti anni, e 200mila euro prelevati dai proventi degli oneri di urbanizzazione.

La prima fase prevista è la demolizione, probabilmente da luglio, mentre la fine lavori è prevista per fine 2020.

Il lavoro dei progettisti è stato quello di comprendere il contesto e recuperare una criticità come quella rappresentata dall’area ormai abbandonata da tempo.

All’interno troverà posto l’infopoint, ci saranno parcheggi, una ciclofficina, una grande area verde con un parco giochi per i bambini, un percorso pedonale illuminato che permetterà di raggiungere il parco di viale Padania e ci saranno altri servizi come il bikesharing ed un chiosco.

L’operazione è stata possibile grazie alla Strategia “Aree interne” come ha ricordato il sindaco Monica Gilardi aprendo la serata molto partecipata: «Nel 2016 è iniziato il lungo percorso delle “Aree interne” grazie alla passione delle istituzioni, per amore del territorio che ha creduto in un grande progetto».

Altri particolari su La Provincia di Lecco in edicola mercoledì 19 giugno


© RIPRODUZIONE RISERVATA