Cocci, mozziconi e rifiuti vicini ai giochi per i bambini
Rifiuti abbandonati: «Basterebbe davvero poco»

Cocci, mozziconi e rifiuti vicini ai giochi per i bambini

Non proprio l’ambiente ideale per far giocare dei bambini piccoli in una mattinata estiva: eppure è questo lo “spettacolo” che si sono trovate di fronte ieri mattina mamme e baby-sitter che hanno portato i bambini al parco giochi di via Cesare Battisti a Sondrio

Bicchieri di plastica lasciati per terra, sotto le panchine o, ancora peggio, nelle vicinanze dei giochi per bambini; cocci di bottiglie di vetro sparsi per terra insieme a mozziconi di sigaretta.

Non proprio l’ambiente ideale per far giocare dei bambini piccoli in una mattinata estiva: eppure è questo lo “spettacolo” che si sono trovate di fronte ieri mattina mamme e baby-sitter che hanno portato i bambini al parco giochi di via Cesare Battisti. «Ieri sera [Giovedì sera n.d.a.] c’è stato “Sondrio è..estate” e chi è venuto qui per divertirsi e bere qualcosa - ha raccontato Federica - poi si è dimenticato di lasciare il parco in condizioni decenti. E così ci tocca stare con mille occhi aperti per evitare che i bimbi si taglino con i cocci o si infilino in bocca un mozzicone. Basterebbe davvero poco per evitare tutto questo, ma evidentemente la gente non ci pensa e fa male».

E la situazione non si può definire delle migliori neanche alcuni metri più in là, al parco della Rimembranza: niente cocci di bottiglia o bicchieri di plastica, ma un numero davvero impressionante di mozziconi di sigaretta sotto o nelle vicinanze delle panchine. Segno della brutta abitudine di giovani e adulti che approfittano dell’ombra per un po’ di relax e per fumare senza fare neanche un paio di passi per raggiungere il cestino e buttare lì i loro mozziconi.

«Non è un fatto di mancata pulizia da parte del Comune o di chi di dovere, è soprattutto una questione di coscienza. Anche perché poi, magari - ha proseguito Federica - gli stessi che fumano e buttano a terra i loro mozziconi qui, sono quelli che portano i loro bambini in altri parchi giochi e lì hanno il “coraggio” di lamentarsi per la sporcizia in modo ipocrita».n 


© RIPRODUZIONE RISERVATA