Cinque denunciati per risse al bar  e truffe in rete
I controlli del territorio da parte dei carabinieri

Cinque denunciati per risse al bar

e truffe in rete

Grazie alle indagini dei carabinieri uomo allontanato da casa per sospetti maltrattamenti.

Non c’è soltanto l’operaio tellino di 35 anni arrestato per possesso di cocaina (articolo a pagina 22) nella rete dei carabinieri della provincia impegnati nei controlli del territorio. Ci sono anche cinque persone denunciate a piede libero per truffe online e risse e un uomo allontanato da casa per il sospetto di maltrattamenti nei confronti della convivente.

Lo scorso 31 gennaio, al termine di accertamenti per fatti denunciati nel novembre del 2017 da un giovane valtellinese, i militari della Stazione carabinieri di Berbenno Valtellina hanno denunciato in stato di libertà V.M., 23 anni, e M.P., 20 anni, entrambi della provincia di Palermo, perché ritenuti responsabili del reato di truffa on line in concorso. I giovani mettevano in vendita su vari siti internet della merce e, ricevuti i pagamenti per complessivo importo di 300 euro, si “dimenticavano” di inviare la merce all’ignaro acquirente, tenendosi però i soldi.

In questo periodo si parla sempre più spesso anche di violenza di genere. Lo scorso 3 febbraio, al termine di approfondite indagini, i militari della Stazione di Sondrio hanno dato esecuzione a un provvedimento di allontanamento dall’abitazione familiare emesso dalla Procura del capoluogo nei confronti di M.M., 40 anni di Sondrio, già noto alle forze dell’ordine perché indagato per i reati di minaccia grave e maltrattamenti familiari nei confronti della convivente.

Nello scorso fine settimana i carabinieri della Stazione di Sondrio sono intervenuti in un locale pubblico della zona di Ponte per una lite tra un cliente evidentemente ubriaco e il titolare dell’esercizio. Dopo aver riportato la calma e svolto gli accertamenti necessari a capire come fossero andare le cose, i militari hanno denunciato i protagonisti della vicenda. Si tratta di D.F., 34 anni di Ponte in Valtellina, già noto alle forze dell’ordine, che deve rispondere di minaccia e porto abusivo di coltello, di O.E., 38 anni di Sondrio, e M.R., 35 di Piateda, incensurati, denunciati per lesioni personali.


© RIPRODUZIONE RISERVATA