Ciclabile, presto cantiere in via Stelvio a Sondrio
Biciclette più sicure verso il centro città (Foto by foto archivio)

Ciclabile, presto cantiere in via Stelvio a Sondrio

Approvato il progetto. La costruzione della pista protetta interesserà in seguito anche le vie Nervi e Tonale. Da largo Sertoli all’incrocio con via Credaro-Brennero percorso per pedoni diviso da quello per chi pedala.

Cantiere in arrivo lungo via Stelvio, per costruire la nuova pista ciclabile in sede protetta. In questi giorni la giunta comunale ha approvato il progetto esecutivo dell’intervento e ora gli uffici procederanno in tempi brevi con l’appalto, per dare inizio ai lavori nei tempi previsti dal bando regionale su cui palazzo Pretorio ha ottenuto i finanziamenti: il budget a disposizione è di 570mila euro, per un intervento che interesserà principalmente via Stelvio, ma anche via Nervi e via Tonale.

Si tratta di un’iniziativa già messa in agenda dalla precedente amministrazione, con una richiesta di contributo inviata a suo tempo al Pirellone su un bando per la mobilità ciclistica: lo scorso anno il Comune ha ricevuto la conferma del finanziamento e la nuova amministrazione ha portato avanti la progettazione, modificando alcuni elementi dello studio di fattibilità iniziale, come spiegato a suo tempo dall’assessore ai Lavori pubblici Andrea Massera.

Il nuovo percorso ciclopedonale su via Stelvio in pratica collegherà al centro cittadino il tracciato già esistente verso il territorio comunale di Montagna, con una pista in sede protetta che affiancherà la carreggiata dall’incrocio con via Donegani fino a largo Sertoli, dove si trova la caserma dei carabinieri. Per tutta la sua lunghezza la nuova corsia per bici e pedoni sarà separata dalla carreggiata con un’aiuola alberata, come nel tratto già esistente, ma il tracciato sarà allestito con due assetti diversi.

Nella parte più vicina al centro città, da largo Sertoli fino all’altezza di via Brennero-via Credaro, la pista sarà suddivisa in un marciapiede e una corsia per le bici, visto che in questa zona numerosi ingressi e portoni si affacciano direttamente sul marciapiede attuale. L’ufficio tecnico e il progettista - l’ingegnere Federico Gianoli - hanno quindi studiato questa soluzione per mantenere accanto agli edifici uno spazio riservato soltanto ai pedoni.

Dall’incrocio con via Brennero fino alla zona di via Donegani, invece, verrà realizzata una corsia promiscua per bici e pedoni, sul modello delle altre già esistenti in città. Nella zona dell’ingresso dell’ospedale, infine, verrà realizzata una piazzetta che i ciclisti dovranno attraversare portando le bici a mano: obiettivo, garantire la sicurezza di tutti in un punto di grande passaggio di pedoni.

L’altro capitolo del progetto riguarda invece la zona della stazione, sempre all’interno del piano presentato a suo tempo in Regione: in via Nervi la pista ciclabile, anche qui separata dalla carreggiata, verrà allestita sul lato sud della strada, dall’area della stazione al sottopasso di via Bonfadini, mantenendo praticamente tutti i posti auto attualmente esistenti. All’altra uscita del sottopasso, su via Tonale, verrà rivisto il passaggio pedonale in corrispondenza dell’accesso all’area Carini: l’attraversamento diventerà rialzato, per ridurre la velocità delle auto in transito, e sul lato verso il centro commerciale saranno inseriti aiuole e spazi verdi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA