Chiuro, grave infortunio sul lavoro   Due operai in prognosi riservata
I carabinieri all’esterno del capannone dove è avvenuto l’incidente (Foto by gianatti)

Chiuro, grave infortunio sul lavoro

Due operai in prognosi riservata

L’incidente ieri alle 17.30 in un capannone della Clr, nella zona industriale

Sembra che si sia ribaltato un muletto.

Due operai sono rimasti feriti in maniera seria in un infortunio sul lavoro avvenuto ieri pomeriggio a Chiuro, negli stabilimenti della Clr Air Tecnology in via Negri, nella zona industriale del paese, ormai quasi al confine con il territorio del Comune di Teglio.

La dinamica dell’accaduto è ancora tutta da chiarire e per questo stanno effettuando accertamenti i carabinieri e il personale di Ats della Montagna: molto probabilmente l’infortunio è stato provocato dal ribaltamento di un muletto, anche se ieri circolava la versione del cedimento di un’impalcatura.

I due operai, di 40 e 37 anni, sono stati trasportati in ambulanza all’ospedale di Sondrio in codice rosso, quello che riguarda i feriti più gravi. Secondo le prime informazioni la prognosi è riservata ma nessuno dei due, fortunatamente, sarebbe in pericolo di vita, anche se uno dei due, in particolare, avrebbe riportato comunque lesioni serie.

L’infortunio è avvenuto intorno alle 17.30 all’interno di un capannone della ditta, azienda specializzata in carpenteria e impianti di condizionamento. Il capannone si trova a poche decine di metri da quella che è la sede principale dell’azienda, in via Fracia 8.

A lanciare l’allarme sono stati i colleghi dei due operai, che hanno udito un forte boato. Talmente forte che qualcuno ha pensato addirittura si trattasse di un’esplosione. I due operai sarebbero stati trovati feriti accanto al muletto ribaltato.

Subito sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 sia con due ambulanze che con l’elicottero decollato dalla base di Caiolo. Quest’ultimo ha però concluso il suo intervento lì, perché i due operai feriti sono stati trasportati in codice rosso con le due ambulanze.


© RIPRODUZIONE RISERVATA