Mercoledì 19 Febbraio 2014

Caos Bormio marketing

Confortola si dimette

Gianni Confortola

Bormio marketing è sempre più una polveriera e, come un effetto domino, si susseguono i colpi di scena con ripercussioni anche nelle istituzioni locali. A rassegnare le dimissioni in mattinata è stato Gianni Confortola, assessore al turismo del Comune di Bormio, presidente della Comunità montana dell’Alta Valle e già ex sindaco della Magnifica terra.

Motivo della decisione la netta diversità di vedute tra Comune e e Cm sull’esplosiva vicenda Bormio marketing. Nei giorni scorsi sono infatti stati azzerati i vertici dell’associazione turistica fondata prima di Natale tra le quattro Pro loco del mandamento (Bormio, Valdisotto, Valfurva e Valdidentro), che ora non ha più né un presidente né tantomeno un consiglio direttivo.

Tre delle quattro associazioni, ad eccezione di quella di Bormio presieduta da Elisa Bonacorsi, hanno detto sì alla proposta formulata dai rispettivi sindaci che, per uscire dalla fase di impasse che sta bloccando l’avvio di Bormio marketing, hanno pensato di ripartire da zero per trovare nuovo slancio

Oramai la frattura è evidente e, a quanto pare, probabilmente insanabile: l’appello lanciato da parte della Bonacorsi qualche giorno fa, che chiedeva alle altre Pro loco di tornare sui propri passi dissociandosi dalle amministrazioni, è caduto nel vuoto. Così i i tre presidenti Beppe Bonseri (Valfurva), Enrico Franceschina (Valdidentro) e Patrizia Nazzari (Valdisotto) hanno votato la revoca del direttivo di undici persone che fino a quel momento guidava Bormio marketing. Il direttivo era composto da: Valentino Galli (associazione impianti a fune), Andrea Quadrio Curzio (comparto termale), Barbara Zulian (settore alberghiero), i rappresentanti dei comuni di Valdidentro (Valentina Cola ed Emilio Crapacher) di Valdisotto (Patrizia Nazzari e Giacomo Anzi), di Valfurva (Beppe Bonseri e Alberto Pedranzini) e di Bormio Elisa Bonacorsi e Francesca Sosio, quest’ultima ormai ex presidente di Bormio marketing.

© riproduzione riservata