Cantonale del Maloja  Revocate le chiusure diurne
Una slavina aveva invaso la via

Cantonale del Maloja

Revocate le chiusure diurne

Le temperature primaverili hanno reso instabile la neve. Ma dopo giorni di chiusura è stato dichiarato il cessato pericolo

Il peggio per questa volta è passato. Almeno fino alla prossima nevicata abbondante, si spera. Le chiusure diurne della strada del Maloja tra Sils e Plaun da Lej sono state revocate.

Il Cantone dei Grigioni ha spiegato che attualmente sui quattordici canaloni di questo tratto di cantonale non ci sono più masse di neve pericolose.

Per alcuni giorni, dalle 11 alle 18, la sbarra era stata abbassata sia alla rotonda di Sils, sia a Plaun da Lej.

Quella diffusa dal Cantone è senza dubbio una buona notizia per i frontalieri valchiavennaschi che tutti i giorni salgono in Engadina a lavorare anche in orari diversi da quelli di punta, oltre che per la popolazione della Bregaglia.

La situazione quest’inverno è stata particolarmente complicata e tutto lascia pensare che lo sarà anche in futuro. Il cambiamento climatico, secondo gli addetti ai lavori, è un aspetto centrale. Le temperature medie in febbraio sono state, in molti casi, simili a quelle tipiche della primavera, e questo ha determinato il pericolo di distacchi e alcune slavine che sono arrivate sulla carreggiata.

Per una messa in sicurezza definitiva della strada ci vorranno, secondo le previsioni del Cantone, circa dodici anni.

I lavori del tunnel lungo circa due chilometri potranno iniziare, se tutto andrà bene, tra sei anni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA