Cantiere per la galleria Paniga: nuovi orari per le esplosioni
I lavori per la galleria

Cantiere per la galleria Paniga: nuovi orari per le esplosioni

«L’esplosivo - spiega l’assessore comunale ai Lavori Pubblici, Massimo Santi - verrà fatto esplodere dalle 6 alle 22, con una differenza di un paio di ore rispetto alle disposizioni precedenti»,

Cambiano gli orari dei brillamenti delle mine utili alla realizzazione della galleria “Paniga Ovest” che rientra nelle infrastrutture previste per la nuova superstrada. «L’esplosivo - spiega l’assessore comunale ai Lavori Pubblici, Massimo Santi - verrà fatto esplodere dalle 6 alle 22, con una differenza di un paio di ore rispetto alle disposizioni precedenti che ci hanno comunicato dalla ditta, anche perché in questo tratto si va a lavorare in una zona più distante dai centri abitati e il disagio è minore. Ovviamente i disagi per chi risiede nella zona restano, i rumori si avvertono lo stesso, ma consideriamo che le opere sono funzionali alla realizzazione della nuova strada, opera importante per la futura viabilità della valle che hanno tempi e modalità di esecuzione da rispettare».

Le opere rientrano nel cronoprogramma del progetto esecutivo della strada che risale al 18 dicembre del 2014 redatto dalla impresa aggiudicataria e approvato da Anas quale committente. È in questo esecutivo che fra l’altro si riscontrano le più significative novità sotto il profilo della tutela della salute pubblica dei residenti. «L’impianto di ventilazione della galleria è stato completamente modificato rispetto al precedente proposto nel definitivo -ha spiegato Francesco Bongio, tecnico esterno del Comune -. Il nuovo impianto prevede una ventilazione di tipo longitudinale, anziché semitrasversale. L’estrazione dei fumi avverrà dai portali delle gallerie e precisamente per il tunnel Selva Piana attraverso il portale lato Cosio e per la galleria Paniga dal portale lato Svincolo del Tartano». Cioè il senso di direzione del flusso dell’aria da espellere avverrà dal lato opposto rispetto all’abitato di Campovico n 


© RIPRODUZIONE RISERVATA