Camminata a Sondrio, le iscrizioni aumentano sempre di più
Un’affollata piazza Garibaldi prima della partenza

Camminata a Sondrio, le iscrizioni aumentano sempre di più

Un totale di 500 concorrenti e soddisfazione per “I Dolcissimi”. In tanti alla gara “vera” dei 10 km.

In occasione della Festa delle Repubblica il capoluogo, ai tradizionali momenti istituzionali affianca, dal 2009, un appuntamento ludico-sportivo. La Camminata che in realtà non è tale per tutti i partecipanti, in quanto quasi la metà (quest’anno 200 concorrenti su un totale record di 500) si misurano sulla distanza dei 10 chilometri con piglio agonistico.

Proprio l’afflusso di molte iscrizioni poco prima dello start ha provocato il lieve ritardo della partenza di circa un quarto d’ora. Piazza Garibaldi, come sempre, si presentava colorata e affollata già di buon mattino: concorrenti giovani, maturi, veterani, ma anche bambini e ragazzini. Questi ultimi hanno preso parte alla Camminata di 6 km, ma, naturalmente, hanno effettuato il percorso cittadino di 6 chilometri tutto di corsa. Nei pressi dello striscione di partenza, come mossieri, c’erano il prefetto Giuseppe Mario Scalia e il sindaco Alcide Molteni.

Nella prima fila dei partenti un gruppo di disabili in carrozzina, pilotati da volontari dell’Unitalsi, che si sono cimentati sul percorso più corto, a dimostrazione che lo sport può, e deve, coinvolgere benissimo anche loro.

In piazza è stato allestito un ampio tendone per ospitare il pranzo successivo all’arrivo dei partecipanti: il punto ristoro era gestito, congiuntamente da Aido, che festeggia i 40 anni di vita in provincia, e da Unitalsi. «Proprio domenica scorsa si è svolta la Giornata di sensibilizzazione per la donazione degli organi, anche quest’occasione fornisce alle nostre due associazioni una doppia opportunità: quella di farci conoscere e di una forma di autofinanziamento a favore delle nostre attività – ci ha confidato della sezione sondriese dell’Aido Riccardo Redaelli –. In questa giornata, quindi, sport e solidarietà camminano a braccetto».

Per quanto riguarda l’avvenimento agonistico, in campo maschile si è imposto Matteo Bradanini (Us Bormiese) che ha coperto i 10 km in 36’19”, seguito da Fabio Congiu (36’27”) e Daniele Bertolini (36’30”). La classifica femminile ha visto in vetta Deborah Dell’Andrino (Santi Nuova Olonio), con il tempo di 43’05”, seguita da Federica Bongiovanni (43’5”), già vincitrice di due precedenti edizioni, e Chiara Curtoni (44’50”).

Giornata insolitamente calda, e fortunatamente risparmiata da rovesci di pioggia, quindi conclusasi nel migliore dei modi. L’organizzazione dell’evento era affidata a “I Dolcissimi”, che hanno messo in campo, contrassegnati dalle loro magliette arancioni, ben 80 volontari tra piazza e percorso. «Crediamo non potesse andare meglio – ha osservato Andrea Besta –: di anno in anno crescono i concorrenti. Per noi un altro collaudo organizzativo in vista delle due prossime corse: Reguzzo 1.5 del 12 agosto e la Mezza dell’Acqua del primo settembre».

© RIPRODUZIONE RISERVATA