Camera di vetro a Prato Secondo   Per il turismo in alpeggio
Come sarà la camera con vista

Camera di vetro a Prato Secondo

Per il turismo in alpeggio

Una società sondriese si è aggiudicata l’appalto del Comune di Castione e costruirà per il Comune la struttura in legno e vetro

Sarà la Re.Iv a costruire la “room” a Prato Secondo, srl sondriese che si è aggiudicata l’appalto della struttura di piccola ricettività, interamente in legno con le pareti tutte di vetro, che il Comune di Castione si prepara a realizzare. Un gioiellino dove trascorrere in relax un fine settimana in alpeggio, regalandosi un panorama mozzafiato, con vista addirittura sino al lago di Como.

«La gara di appalto si è conclusa - conferma il sindaco Massimiliano Franchetti - ed è stata vinta dalla Re.Iv di Sondrio. In questi giorni stiamo pianificando con loro l’inizio dei lavori». Condizioni meteo permettendo il cantiere dovrebbe aprirsi nelle prossime settimane, «perché intendiamo concludere l’opera tra settembre e ottobre, per l’autunno» aggiunge il primo cittadino.

Un investimento di 120mila euro circa, di cui 89.856 finanziati grazie al contributo del Gal, mentre15mila sono stati riconosciuti all’amministrazione dalla Comunità montana di Sondrio e il restante coperto con fondi comunali.

Il progetto è stato redatto dall’architetto Alfredo Vanotti, che ha collaborato con il geometra Christian Bassola ed il designer Matteo Zugnoni. Si andrà ad intervenire su una baita già esistente ristrutturandola in modo assolutamente innovativo, lavorando a 2.200 metri di quota circa. A lavori finiti ci si troverà davanti ad una «costruzione eco-friendly, costruita in legno e come sospesa, poiché andrà a poggiare su un pilastro - spiega i dettagli del progetto Franchetti -: la camera da letto, che si trova nell’ala sud, ha le pareti interamente di vetro, scelta progettuale che regala agli ospiti un panorama mozzafiato».

Non mancano i servizi e una piccola cucina, situati alle spalle della camera da letto.

In altre realtà montane, come ad esempio in Trentino Alto Adige, queste strutture sono realtà consolidate, mentre sul nostro territorio quella del Comune di Castione rappresenta un’assoluta novità, «un modo nuovo per valorizzare in altra maniera l’alpeggio, che è dedicato solo ed esclusivamente al pascolo del bestiame».


© RIPRODUZIONE RISERVATA