Cambia il tempo in quota, scivola e muore nel dirupo
Lorenzo Gamba, morto ieri in Alta Val Brembana, era esperto di escursioni in montagna

Cambia il tempo in quota, scivola e muore nel dirupo

Ieri mattina la tragedia sopra Gerola Alta sul lato bergamasco. La vittima, 33 anni di Val Brembilla, è caduto mentre era con due amici.

Tragedia in alta montagna. Un uomo di 33 anni, Lorenzo Gamba di Val Brembilla, in provincia di Bergamo, è scivolato per circa 150 metri e ha perso la vita. L’uomo si trovava sulla cima del monte Ponteranica, in Alta Val Brembana, ai confini fra la provincia di Bergamo e quella di Sondrio insieme a due amici quando, sorpreso da un temporale, ha perso l’equilibrio. Una caduta che si è rivelata fatale.

L’uomo era uscito ieri mattina per un’escursione con due amici. Ma quella che doveva essere una bella domenica di giugno trascorsa in mezzo alla natura e fra le montagne, si è trasformata all’improvviso in disgrazia. L’incidente è avvenuto sul monte Ponteranica, fra Gerola Alta e la vallata della Bergamasca, a circa 2.200 metri di altitudine. Il tempo, come accade spesso in alta quota, ha cambiato d’un tratto faccia, il cielo si è oscurato ed è scoppiato un temporale. Gamba ha perso l’equilibro finendo in fondo a un dirupo lungo un pendio ripido ricoperto di erba e sassi, reso scivoloso e instabile dalla pioggia.

I due compagni che erano con lui hanno dato subito l’allarme. Nell’immediato non è stato possibile capire se il luogo fosse sul versante bergamasco o su quello valtellinese e quindi sono state allertate entrambe le delegazioni del soccorso alpino, la VI Orobica e la VII Valtellina - Valchiavenna. Il cielo poi si è aperto e si è creata una finestra di tempo favorevole che ha permesso all’elisoccorso di arrivare sul posto per il recupero della vittima. Il corpo di Gamba è stato individuato già privo di vita.

In questi giorni le condizioni meteorologiche possono peggiorare all’improvviso e in quota, soprattutto sui versanti meno esposti al sole e nei canali, dai 1.800 metri di quota in su, sono ancora presenti accumuli di neve. Il Soccorso alpino raccomanda di prestare molta attenzione e ai bollettini meteorologici, prima di intraprendere un’escursione in montagna.


© RIPRODUZIONE RISERVATA