Cadute per ghiaccio e forte vento sulle piste da sci

Cadute per ghiaccio e forte vento sulle piste da sci

L’incidente più grave è avvenuto nel primo pomeriggio, alle 14,11, sulle pista A intermedia del Baradello dove una ragazzina di 14 anni, per evitare un altro sciatore, è finita fuori pista.

Giornata convulsa di interventi ieri in paese e sulle piste di Aprica dove, per via del fondo ghiacciato, si sono verificate alcune cadute.

La più seria è avvenuta nel primo pomeriggio, alle 14,11, sulle pista A intermedia del Baradello dove una ragazzina di 14 anni, per evitare un altro sciatore, è finita fuori pista. La giovane ha riportato un trauma cranico e qualche escoriazione e subito è stata soccorsa ed elitrasportata in codice giallo all’ospedale di Bergamo.

Sempre sulle piste al Palabione, alle 11, si è verificato uno scontro fra tre giovani sciatori: tre maschi di 10, 12 e 16 anni tutti assistiti in codice verde e portati per controlli all’ospedale di Sondrio.

Alle 14 c’è stato un incidente anche nel comprensorio sciistico della Magnolta dove due persone, fra cui un ragazzo di 20 anni, si sono scontrati con gli sci e sono stati poi trasportati all’ospedale di Edolo. In mattinata alle 10, invece, un’altra caduta si è registrata questa volta in paese lungo via Roma all’altezza del civico 97, dove una donna di 52 anni è scivolata probabilmente su una lastra di ghiaccio ed è finita a terra.

Grossi problemi si sono verificati anche per il vento. Dalle dieci del mattino di ieri fino a mezzanotte la provincia è stata spazzata da forti raffiche a cui si sono aggiunti gli effetti termici di foehn. «Moderata criticità per rischio vento forte su Nord Ovest e alta pianura occidentale». Così la nota della sala operativa della Protezione civile di Regione Lombardia. «Si suggerisce ai presidi territoriali - continua la nota - di prestare attenzione e un’adeguata attività di sorveglianza: a eventuali impalcature, carichi sospesi, strade alberate, al traffico stradale nei tratti più soggetti alle raffiche di vento forte e problemi alla sicurezza dei voli amatoriali, della navigazione a vela sui grandi laghi, degli impianti di risalita a fune in montagna, nonché alla rete elettrica e telefonica, alle luminarie e agli addobbi natalizi installati dalle amministrazioni comunali».


© RIPRODUZIONE RISERVATA