Mercoledì 09 Ottobre 2013

Bruciano plastica

nel camino: denunciati

Parte della plastica trovata dai Carabinieri

Due denunce a piede libero per smaltimento illegale di rifiuti pericolosi.

A finire nei guai due agricoltori della Bassa Valle, padre e figlio rispettivamente di 65 e 22 anni, denunciati a piede libero dai Carabinieri del Norm della Compagnia di Sondrio per “smaltimento illegale di rifiuti pericolosi”. La denuncia è stata formalizzata ieri, martedì 8 ottobre, al termine degli accertamenti eseguiti dagli uomini dell’Arma, ma i fatti risalgono allo scorso 5 ottobre quando, verso le ore 11 del mattino, i due sono stati sorpresi da una pattuglia in servizio perlustrativo mentre erano intenti a bruciare, all’interno del camino posto in una stalla di loro proprietà, un considerevole quantitativo di materiale in plastica (in particolare materiale da imballaggio per il fieno), considerato rifiuto pericoloso.

I Carabinieri, giunti sul posto in quanto allertati dalla telefonata arrivata al 112 da parte di un vicino preoccupato che segnalava la presenza di fumo intenso dall’odore acre proveniente dalla stalla, hanno provveduto alle attività di sopralluogo congiuntamente al personale tecnico del Dipartimento Igiene dell’Asl di Sondrio, allertato dagli stessi.

Il sopralluogo delle forze dell’ordine ha permesso di individuare i due agricoltori mentre bruciavano la plastica, un materiale particolarmente inquinante che se immesso nell’aria può nuocere all’ambiente e alla salute pubblica.

© riproduzione riservata