Brindisi alle stelle, calici già in vendita

Brindisi alle stelle, calici già in vendita

Conto alla rovescia per i brindisi alle stelle cadenti. Venerdì sera in centro storico sarà di scena l’edizione 2018 di Calici di stelle, la manifestazione organizzata da Consorzio vini e Comune per celebrare i grandi rossi di Valtellina.

Ci sono ancora un paio di giorni di tempo per approfittare della prevendita dei carnet di degustazione. Finora allo Sportello del cittadino sono stati venduti una quarantina di kit, oltre ad una ventina di biglietti per “Aspettando Calici di stelle”, la nuova iniziativa inserita nel cartellone dell’evento, ma in municipio si aspettano l’afflusso maggiore di prenotazioni in questi ultimi giorni, in base all’esperienza delle passate edizioni.

Fino a venerdì l’ufficio sarà aperto dalle 9 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 16,30 anche per l’acquisto di bicchieri e pass per “Aspettando Calici di stelle”, poi venerdì sera i carnet saranno in vendita in piazza Garibaldi, come di consueto. Lo stand aprirà alle 19 e metterà a disposizione i kit al costo di 15 euro per bicchiere, taschina da appendere al collo e sei tagliandi per gli assaggi, due per Doc e Igt, due per i vini Docg e due per lo Sforzato.

La formula della manifestazione è quella ormai entrata nella tradizione: nelle vie del centro storico, passando per la corte di palazzo Pretorio e le cantine del Mvsa, i partecipanti incontreranno i banchi delle 24 cantine iscritte all’edizione 2018, aperti dalle 20,30 a mezzanotte con un totale di un’ottantina di etichette.

Protagonisti di Calici di stelle, come sempre, saranno produttori grandi e piccoli: alla festa infatti saranno presenti Caven camuna, Pietro Nera, Rupi del Nebbiolo, Fratelli Bettini, Contadi Gasparotti, Renato Motalli, Nino Negri, La Spia, Dirupi, Fay, la Perla di Marco Triacca, Le Strie, Balgera, Alberto Marsetti, Fondazione Fojanini, Nicola Nobili, Arpepe, Aldo Rainoldi, Alessio Magi, Plozza, Mamete Prevostini, Folini, Cantina Leusciatti e Alfio Mozzi, con la corte di Castel Masegra dedicata interamente allo Sforzato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA