Bormio Servizi: «Azione legale contro gli ex amministratori»
Il municipio di Bormio

Bormio Servizi: «Azione legale contro gli ex amministratori»

La società del Comune ha chiuso il bilancio in utile e intende ricorrere alla magistratura

L’assemblea dei soci di Bormio Servizi, la società “in house” del Comune di Bormio che si occupa della gestione delle strutture sportive e dei parcheggi coperti, ha approvato il bilancio relativo al 2015, ultimo prima della fine del mandato. «Così come i precedenti di questa gestione - annuncia l’azienda con un comunicato stampa - l’esercizio si è chiuso in utile, a conferma della ritrovata stabilità finanziaria della società. Il contenimento dei costi di funzionamento e la riorganizzazione delle strutture aziendali hanno permesso di riportare in equilibrio la situazione economica e patrimoniale. La necessità di risanamento economico - si sottolinea - ha peraltro limitato la possibilità di potenziare e migliorare i servizi, già resi difficoltosi dalla precaria situazione di molte delle strutture in gestione».

I risultati positivi del quinquennio spingono tuttavia la Bormio Servizi a guardare con fiducia e maggior tranquillità al futuro, senza però scordare la gestione precedente. In sede di assemblea, infatti, il socio unico «al fine di fare piena chiarezza sui conti pregressi e sulle vicende che hanno arrecato pregiudizio al patrimonio della Bormio Servizi - questo l’annuncio - si è espresso in senso favorevole alla promozione di un’azione di responsabilità nei confronti degli ex amministratori per atti e fatti ritenuti qualificabili come di mala gestione nel periodo in cui hanno rivestito l’incarico». Quest’azione legale che sarà avviata segue quella, già in corso, relativa alla precedente gestione di Bormio Terme, anche in questo caso additata come frutto di “cattiva amministrazione” da parte dell’attuale consiglio di amministrazione. «A conclusione del mandato - hanno commentato dalla Bormio Servizi - è doveroso ringraziare l’amministrazione comunale per la fiducia ed il sostegno unitamente a tutto il personale per la fattiva collaborazione dimostrata».


© RIPRODUZIONE RISERVATA