Sabato 02 Agosto 2014

Bormio dà l’allarme

«Troppi tagli statali

Così non si va avanti»

Preoccupato il sindaco di Bormio Giuseppe Occhi per i tanti tagli

Situazione non più sostenibile per i comuni turistici. Questo l’appello lanciato dall’amministrazione comunale di Bormio che, nell’esaminare il rendiconto del 2013, ha illustrato i pesanti tagli inferti dallo Stato alle casse comunali.

La fiscalità municipale sottratta al Comune e destinata al fondo di solidarietà, nel 2013 ha raggiunto 1,6 milioni di euro (Imu trattenuta dallo Stato pari al 37% del gettito 2013 stimato ad aliquota base). Una cifra alla quale deve essere aggiunta l’Imu versata direttamente allo Stato dai contribuenti sui fabbricati di tipo D per circa 772.000 euro.

Per il 2014 la previsione è ancora maggiore: i dati disponibili prevedono addirittura un ammontare complessivo della fiscalità municipale sottratta al Comune di oltre 2 milioni di euro pari al 50,45% del gettito 2014, al quale devono essere ancora aggiunti i 772.000 euro per l’Imu sui fabbricati di tipo D.

Sempre più difficile, quindi, operare e far quadrare i conti. Anche i criteri approvati quest’anno dalla conferenza Stato città e autonomie locali vedono decisamente privilegiate le grandi città, mentre i comuni turistici, in particolare, sono notevolmente penalizzati.

© riproduzione riservata