Borghi storici  Sette milioni per sistemarli
Anche Sondrio tra i Comuni beneficiari, nella foto la via dei Palazzi

Borghi storici

Sette milioni per sistemarli

Dalla Regione soldi per Berbenno, Castione, Cedrasco, Chiavenna; Civo Forcola, Lovero, Morbegno, Sernio, Sondrio e Tirano

Nuova vita per i borghi e centri storici, non solo a parole. Ammonta a poco meno di 7,3 milioni di euro la somma messa a disposizione di undici realtà della provincia di Sondrio, tra cui il capoluogo, dalla Regione Lombardia sul bando emesso a febbraio.

Foroni: «Bel colpo»

La graduatoria dei Comuni lombardi che riceveranno il contributo regionale per realizzare interventi di riqualificazione dei borghi storici è stata resa nota ieri.

«Sono estremamente soddisfatto del risultato raggiunto - dice l’assessore regionale Pietro Foroni -. Questa procedura, finanziata interamente dalla Regione con una cifra pari a 60 milioni di euro, è la prova dello straordinario sforzo finanziario che l’istituzione regionale compie per valorizzare i nostri Comuni e renderli più attrattivi, in un’ottica di turismo culturale attraverso interventi su aree e immobili di interesse pubblico. Vogliamo avviare processi virtuosi di recupero urbano che avranno un impatto positivo anche sulla ripresa economica dei territori duramente provati dall’emergenza Covid». Foroni ha anche preso l’impegno di chiedere l’ottenimento di ulteriori risorse per finanziare i restanti Comuni ammessi alla graduatoria, finanziabili per punteggio finale maggiore o uguale a sessanta.

Pedrazzi: «Patrimoni unici»

«I nostri borghi - aggiunge Simona Pedrazzi, consigliere regionale valtellinese - rappresentano una testimonianza storica unica e un patrimonio di tradizioni locali che va tutelato e valorizzato. Grazie ai contributi della Regione Lombardia i nostri undici Comuni ammessi a finanziamento avranno la possibilità di riqualificare i loro borghi o centri storici, non solo a beneficio della popolazione residente, ma anche per renderli turisticamente più attrattivi, soprattutto dopo tanti mesi di lockdown dovuti alla pandemia».

«Questo anche per scongiurare il fenomeno dell’abbandono, soprattutto da parte dei più giovani. La Valtellina, rappresenta una delle aree più complesse ed uniche nel vasto panorama lombardo. Il nostri paesaggi e la nostra identità vanno difese e salvaguardate in maniera concreta, iniziando ad operare con un approccio più naturale e consono alle nostre tradizioni. È dunque importantissimo - conclude Pedrazzi - convogliare, come sta facendo la Regione, risorse per ridare funzioni e rendere più efficienti gli edifici esistenti, soprattutto, quelle tipologie architettoniche uniche che hanno contraddistinto il paesaggio antropico lombardo dal medioevo fino al 900 che ritroviamo nei nostri borghi storici».

Un’occasione secondo l’assessore al Turismo Lara Magoni per valorizzare il “turismo dei territori” che permette al viaggiatore di apprezzare e conoscere tradizioni, luoghi e itinerari enogastronomici unici. «Eccellenze – dice Magoni - che meritano di essere esaltate, valori aggiunti per una regione che ha tanto da offrire in termini di attrattività».

I Comuni della provincia di Sondrio ammessi a finanziamento sono: Berbenno (980.000 euro); Castione (un milione); Cedrasco (213.000 euro); Chiavenna (926.000 euro); Civo (756.000 euro); Forcola (548.850 euro); Lovero (181.200 euro); Morbegno (817.000 euro); Sernio (483.500 euro); Sondrio (898.000 euro) e Tirano (474.400 euro).
Monica Bortolotti


© RIPRODUZIONE RISERVATA