Bomba ananas rimossa e fatta brillare
Un militare del Genio Guastatori di Cremona con la bomba

Bomba ananas rimossa e fatta brillare

Ieri a Traona, in località Corlazzo, all’opera gli artificieri del Genio Guastatori di Cremona. Quello ritrovato potrebbe tuttavia non essere l’unico ordigno presente in quell’area dove si sta disboscando.

Intervento del genio Guastatori di Cremona, assistito dalla croce rossa militare e dai carabinieri della caserma di Traona per la rimozione e il brillamento della bomba ad ananas rinvenuta nei giorni scorsi in un terreno incolto di mezza costa in località Corlazzo. Come richiesto dalla Prefettura, allertata sabato scorso a seguito della denuncia fatta dal proprietario del terreno dopo il ritrovamento della bomba a mano, sul posto sono arrivati i due militari del decimo reggimento del Genio Guastatori di Cremona accompagnati dal personale medico della croce rossa del corpo militare. Ai due tecnici dell’esercito è spettato il compito di effettuare il sopralluogo sul terrazzamento circoscritto dai carabinieri per impedire l’avvicinamento alla bomba.

Gli artificieri hanno verificato lo stato dell’ordigno – una bomba a mano risalente alla seconda guerra mondiale probabilmente di fabbricazione inglese – che mostrava l’assenza dell’anello che serve ad attivare l’esplosivo. Una volta messa in sicurezza, la bomba è stata trasportata dai militari in un luogo indicato dalle forze dell’ordine locali: «Per procedere al brillamento – dicono i tecnici intervenuti a Traona – è necessario individuare un luogo che garantisca uno spazio minimo di cento metri di distanza da aree abitate o con presenza di persone. Il brillamento avviene mettendo a contatto della bomba un esplosivo che ne determina la distruzione, in totale sicurezza e controllo». A ritrovare la bomba ad ananas è stato il figlio del proprietario del terreno durante i lavori di disboscamento in cui sono impegnati in queste settimane: «Abbiamo utilizzato accette, motosega, attrezzi vari per la pulizia e calpestato rami, tronchi e arbusti in mezzo ai quali tra le altre cose è spuntata anche questa bomba a mano».

Il dubbio è che quello ritrovato e ora rimosso possa non essere l’unico ordigno presente in quell’area dove sono ancora in corso lavori di ripulitura: «Il nostro intervento viene richiesto per la rimozione e la messa in sicurezza di luoghi da cui siano emersi ordigni di qualche tipo – spiegano i militari del genio guastatori – non rientra invece nei nostri compiti quello di bonificare un’area. A questo scopo esistono aziende civili specializzate». Ad assistere all’intervento a Corlazzo c’era anche il sindaco di Traona, Dino Della Matera che ha ringraziato i militari per l’efficienza e velocità di intervento e rivolto anche un plauso alla Prefettura che si è fatta carico della procedura prevista in questi casi, riuscendo ad attivare rapidamente gli artificieri.


© RIPRODUZIONE RISERVATA