Basta soste senza limiti, parcheggi a pagamento anche nei giorni festivi
Il sindaco Luca Della Bitta (Foto by Luca Gianatti)

Basta soste senza limiti, parcheggi a pagamento anche nei giorni festivi

Sperimentazione a Chiavenna: si comincia dall’8 dicembre nelle piazzole lungo la statale e vicino all’ospedale. Della Bitta: «Controlli da parte della polizia locale».

Parcometri per i parcheggi che si affacciano sulla statale 36. Il sindaco di Chiavenna Luca Della Bitta ha annunciato il via libera a una sperimentazione sui parcheggi legata ai flussi di passaggio nei giorni festivi. Quando i parcometri solitamente sono inattivi.

«Chiavenna - spiega il primo cittadino - è una città che si caratterizza per un notevole flusso di passaggio di turisti verso le località della Valle Spluga e verso l’Engadina e Saint Moritz. La sfida è riuscire a cogliere questa opportunità facendo in modo che sempre più persone conoscano la bellezza della nostra città». Quindi facilitare la sosta e, magari, la visita del centro: «A seguito di un preciso monitoraggio effettuato da parte del Comune di Chiavenna, ci siamo resi conto che nella giornata di domenica e nei giorni festivi la turnazione dei parcheggi che affacciano sulla direttrice della strada statale è molto limitata. Occorre quindi fare in modo che il turista, che pensa anche solo ad una breve sosta, trovi occasione di parcheggiare con facilità la propria auto».

La sperimentazione è abbastanza semplice. Non c’è molto da fare se non prestare attenzione per evitare di beccare una multa: «A partire dall’ 8 dicembre prossimo - continua Della Bitta - avvieremo una sperimentazione con l’introduzione della sosta regolata con parcometro nella giornata di domenica esclusivamente nelle aree di piazza Verdi, via Consoli Chiavennaschi, via San Fedele presso la chiesa sconsacrata, per un totale di 62 posti auto». Previsti controlli, ma anche un monitoraggio: «La polizia locale effettuerà servizi mirati di monitoraggio della misura nei prossimi mesi ai termini dei quali, con un confronto su questi e su altri temi legati ai parcheggi con l’unione commercio di Chiavenna, valuteremo misure più strutturali».

La sperimentazione, quindi, potrebbe diventare definitiva. Qualche novità anche per l’ospedale: «Discorso analogo per quanto concerne i parcheggi adiacenti l’ospedale di Chiavenna - conclude il sindaco - e in particolare via Cereria e viale Maloggia per un totale di 36 posti auto. Questo in seguito a numerose segnalazioni di utenti che, anche in condizioni di emergenza urgenza, faticano a trovare una risposta in termini di disponibilità di stalli liberi. Rimangono non a pagamento per le domeniche e i festivi i restanti 410 posti auto delimitati da striscia blu oltre naturalmente i parcheggi liberi striscia bianca non a pagamento presenti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA