Bando periferie alla Piastra di Sondrio: ci siamo
Il sindaco di Sondrio, Marco Scaramellini

Bando periferie alla Piastra di Sondrio: ci siamo

Annuncio in aula. Il sindaco Scaramellini: «Confermati tutti i progetti previsti, ora siamo nella fase operativa». È arrivato l’ok da Roma: «Un lavoro impegnativo vista la quantità di interventi e gli adempimenti da svolgere».

Mancava soltanto il via libera ufficiale da Roma, ora è arrivato. È ripartito proprio in questi giorni l’iter per realizzare gli interventi per la Piastra finanziati sul bando periferie: l’ha annunciato venerdì sera in consiglio comunale il sindaco Marco Scaramellini, segnalando che «tutti i progetti previsti sono confermati». Una notizia accolta con soddisfazione dal consiglio comunale, dopo la frenata subita lo scorso anno dal programma “La Piastra, sicurezza e qualità della vita nel verde” per via dello stop sui fondi a livello nazionale. «Il 9 aprile 2018 il Comune aveva trasmesso la prima convenzione, avviando alcuni progetti e attività - ha ricordato il sindaco -, poi nel secondo semestre del 2018 è stato necessario procedere ad un adeguamento della convenzione. A febbraio il consiglio dei ministri ha trasmesso la nuova convenzione che abbiamo subito approvato, il 3 giugno è arrivato il responso della Corte dei conti e dal 25 giugno siamo in fase operativa».

Rispetto alla precedente versione della convenzione «i progetti sono tutti confermati», ha ribadito Scaramellini, anche se ci sarà «una diversa disciplina sul 2019, per consentire prima di tutto il finanziamento delle spese già effettuate e dei progetti già avviati». Restano in programma, dunque, gli interventi di animazione socio-economica del quartiere e sul fronte delle infrastrutture il rifacimento di marciapiedi e pista ciclabile in via Giuliani, la sistemazione dei vialetti nelle aree verdi della Piastra, la bonifica dell’ex discarica di inerti, la ristrutturazione della scuola di via Gianoli, la creazione di un posteggio e di un orto-giardino in via del Cugnolo, il rifacimento dell’illuminazione pubblica nel quartiere e l’installazione di nuove telecamere della videosorveglianza, la copertura con la rete wi-fi dell’area della Piastra, un nuovo ponte ciclopedonale verso il parco Bartesaghi e una passerella a sbalzo sul Mallero lungo via Torelli, oltre ai lavori già effettuati per la riqualificazione di via Maffei – dove sono stati realizzati un percorso ciclopedonale in sede protetta e la sistemazione del marciapiede nel tratto nord – e l’allestimento di un giardino pubblico in via del Cugnolo, inaugurato di recente con l’intitolazione all’artista Livio Benetti. Nei prossimi mesi, dunque, gli interventi riprenderanno man mano sui vari progetti, già tutti approvati in via definitiva dall’amministrazione a suo tempo.

«Gli uffici sono già al lavoro per i cronoprogrammi – ha sottolineato il sindaco -, sarà un lavoro impegnativo vista la quantità di progetti e gli adempimenti da svolgere, tant’è che l’ufficio tecnico potrà contare su un’assunzione a tempo determinato proprio per seguire questo percorso. Non ci sono modifiche alla convenzione, in pratica, e la comunicazione ufficiale di questi ultimi giorni ci dà la possibilità di partire».


© RIPRODUZIONE RISERVATA