Avanza il cantiere per l’ex Provveditorato tra curiosi e deviazioni
Avanza rispettando la tabella di marcia il cantiere per la demolizione dell’ex Provveditorato (Foto by foto Gianatti)

Avanza il cantiere per l’ex Provveditorato tra curiosi e deviazioni

Quasi completamente abbattuto il grande edificio che si affaccia su via Sauro, con le automobili costrette a seguire percorsi alternativi durante le demolizioni

I lati del palazzo sono ancora in piedi, ormai però manca poco al completamento della demolizione. Dopo una piccola pausa a cavallo di Ferragosto, nei giorni scorsi il cantiere all’ex Provveditorato ha fatto grandi passi avanti e l’edificio affacciato su via Nazario Sauro in pratica è stato “dimezzato” nel giro di poco tempo: l’abbattimento è iniziato dalla sezione centrale dello stabile e sta proseguendo verso le parti esterne, ormai diventate due tronconi separati, tanto che ai passanti si è aperta un’inedita vista sulle Orobie, al di là della palizzata che delimita il cantiere.
Ma non è l’unico motivo per cui i lavori non passano inosservati: nei momenti in cui vengono condotti gli interventi di demolizione, per ragioni di sicurezza viene chiuso al traffico il tratto di via Sauro in corrispondenza del complesso, con la presenza di movieri che indirizzano le auto verso via Carducci e via Fiume.
In questi giorni gli automobilisti hanno dovuto fare i conti con qualche rallentamento, anche per la contemporanea presenza degli interventi per la posa della fibra ottica su via Fiume. Nelle fasi di rimozione delle macerie, invece, si circola regolarmente, a parte il restringimento di carreggiata presente dall’inizio delle operazioni.
Il cantiere non ha mancato di richiamare l’attenzione di molti sondriesi in queste settimane: specialmente in mattinata si notano spesso capannelli di cittadini che si fermano per un po’ a osservare i lavori, sia dal marciapiede di via Sauro, che nell’area verso via Carducci in cui sorgeva la palestra comunale e dove stanno prendendo forma fondamenta e strutture dell’ingresso del futuro parcheggio interrato.
Un po’ dipenderà dalla curiosità per un intervento di grande impatto, ma per molti ha un peso anche la memoria, come testimoniano diversi post e commenti in questi giorni sui social network: l’ex Provveditorato da decenni era una parte importante del panorama di questa zona della città, nel corso del tempo ha ospitato diverse scuole e per tanti sondriesi è legato a molti ricordi.
Fatto sta che i lavori procedono secondo la tabella di marcia, in questa prima fase dedicata alla demolizione delle strutture esistenti: al posto del vecchio palazzo, una società legata al gruppo Segesta costruirà un edificio di cinque piani affacciato su via Sauro e affiancato nella parte sud del complesso da due palazzine più basse disposte intorno a un giardino con parcheggio attrezzato.
I nuovi edifici ospiteranno 67 mini-alloggi protetti per anziani e una Rsa con circa sessanta posti letto, più tutti i servizi necessari. Il nuovo stabile porterà una traccia del vecchio edificio: sulla facciata saranno installati i due mosaici di Bruno Cassinari che fino a poche settimane fa decoravano l’ex Provveditorato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA