Automobilismo, futuro incerto per il rally Coppa Valtellina
La muraglia umana del pubblico al rally Coppa Valtellina sabato ad Albosaggia

Automobilismo, futuro incerto per il rally Coppa Valtellina

La Promo Sport Racing guidata da Danilo Colombini ha deciso di non proseguire nell’organizzazione della gara, con dure accuse del patron alla base della presa di posizione.

«La squadra ha lavorato benissimo ancora una volta - ha affermato Colombini in un’intervista rilasciata al nostro giornale -, il lavoro di gruppo ha sopperito a eventuali assenze e lo sforzo ha portato risultati. Ma quattro di noi “mollano”: io per primo, poi Chiara Tripiciano, Andrea Capelli e Pepo Nisi, per motivi personali di ciascuno, ma molliamo».

I commissari di percorso, altra doglianza. Senza di loro non si possono correre rally, ma «vogliono essere pagati quasi di più di un direttore di gara, ma con una incompetenza media allucinante», le parole del patron.

Intanto i commissari rispondono, mentre avanzano nuove proposte sulla gestione della gara, mentre anche dall’Aci arriva un segnale.

Leggi tutto nell’ampio servizio dedicato su La Provincia di Sondrio in edicola e non solo


© RIPRODUZIONE RISERVATA