Associazione allevatori, 18 posti a rischio
Periodo buio anche per l’Associazione provinciale allevatori di Sondrio

Associazione allevatori, 18 posti a rischio

Nell’anno dell’Expo viene meno il finanziamento della Regione. Apa costretta a ridurre il monte ore dei dipendenti e i servizi offerti

Ripercussioni negative sugli utenti associati, ma soprattutto sui dipendenti per i quali è stata avviata la procedura per ottenere gli ammortizzatori previsti dal settore.Tagli in arrivo all’Associazione provinciale allevatori, costretta a rivedere anche i servizi dedicati alle 400 aziende. È questo lo scenario descritto ieri dalle Rsu e dai vertici di Apa Sondrio. Nell’anno dell’Expo, evento incentrato proprio sul tema dell’alimentazione, è venuto a mancare per intero il finanziamento da parte di Regione Lombardia.

A farne le spese nel prossimo futuro, secondo quanto evidenziato dai rappresentanti sindacali interni insieme alle segreterie di categoria di Cgil, Cisl e Uil e alla direzione e alla presidenza, saranno in primo luogo i dipendenti. I diciotto lavoratori affronteranno i prossimi mesi con una forma di cassa integrazione specifica per il settore. La richiesta è attualmente in fase di preparazione. Ci saranno ripercussioni negative anche sugli utenti associati, che vedranno ridimensionati i servizi a loro rivolti. Si tratta di una situazione che assume un particolare impatto per il settore zootecnico montano, caratterizzato ancora da un buon numero di aziende dalle dimensioni medio-piccole e quindi prive di risorse rilevanti per questi servizi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA