Arrestati dopo un tentato furto, rimangono in carcere
Gli oggetti trovati dagli agenti

Arrestati dopo un tentato furto, rimangono in carcere

I due giovani cileni erano finiti in manette grazie all’allarme del proprietario di casa

Rimangono in carcere i due giovani cileni arrestati venerdì dagli agenti della questura di Sondrio, dopo un tentato furto in località Ca’Bianca. Lo ha deciso il giudice al termine dell’udienza di convalida.

Secondo l’accusa i due erano riusciti ad entrare in un abitazione, forse pensando che in casa non ci fosse nessuno. Invece c’era il proprietario che, spaventato per i rumori, si era chiuso in bagno e aveva dato l’allarme.

I due erano scappati, ma gli agenti li avevano rintracciati poco dopo in via Stelvio. Uno dei due, nascosto negli slip, aveva ancora il grosso cacciavite che era stato usato per forzare la porta.E la successiva perquisizione domiciliare aveva permesso di trovare un pc portatile e un ipod che erano stati rubati a Tirano da un’abitazione il 3 marzo e altri oggetti - gioielli, orologi, macchine fotografiche - sulla cui provenienza si stanno ora compiendo accertamenti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA