Apre la mensa di padre Salinetti  Pasti e “Amici di vita nuova”
La nuova mensa sarà un punto di riferimento per molti bisognosi

Apre la mensa di padre Salinetti

Pasti e “Amici di vita nuova”

I locali davanti al Tribunale di Sondrio ospiteranno la cucina. «Abbiamo bisogno di tutti, anche per coprire i turni infrasettimanali».

Aprirà la settimana prossima in via Privata Moroni a Sondrio una mensa per i bisognosi che sarà gestita dall’associazione “Amici di vita nuova” e dall’operazione Mato Grosso con l’aiuto e il sostegno di tanti altri volontari e associazioni.

I locali che ospiteranno la mensa, che già in passato hanno accolto un’attività dedicata alla ristorazione e che negli ultimi mesi sono invece rimasti inutilizzati, sono attualmente in fase di sistemazione e proprio per il grande lavoro che stanno svolgendo i volontari e l’attesa delle ultime autorizzazioni, l’apertura della mensa è stata ritardata di qualche giorno.

Inizialmente, infatti, le porte della mensa stessa avrebbero dovuto aprirsi per la prima volta lunedì prossimo, ma padre Lorenzo Salinetti, che “capeggia” il gruppo di volontari che si stanno dedicando a questa attività, ha spiegato che la prima apertura è stata spostata a mercoledì proprio per le ragioni appena illustrate. Questo nella speranza che non sorgano altri intoppi che costringano a rinviare ulteriormente la preparazione e il servizio dei primi pasti.

In una prima fase, la mensa per i bisognosi di via Privata Moroni sarà aperta il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 12 alle 13 e intanto verranno ultimati gli interventi di sistemazione: l’obiettivo è poi quello di arrivare a un’inaugurazione vera e propria nel mese di dicembre e a un’apertura sempre dalle 12 alle 13 non solo lunedì, mercoledì e venerdì, ma tutti i giorni della settimana da lunedì a venerdì. «Per quanto ci riguarda - ha sottolineato don Lorenzo Salinetti, in servizio alla parrocchia di Berbenno - vogliamo non soltanto dare da mangiare a chi ha bisogno, ma anche e soprattutto entrare in relazione con le persone che arriveranno in mensa. Capire chi sono, di cosa hanno bisogno e provare ad aiutarle».

Un obiettivo da un lato molto lodevole, ma dall’altro altrettanto impegnativo ed è per questo che il sacerdote valtellinese fa un appello alla generosità di tutti affinché l’attività della mensa possa partire prima e poi proseguire con regolarità: «La prossima settimana l’apertura sarà, in un certo senso, “informale” - spiega don Lorenzo Salinetti - Per entrare a pieno regime però abbiamo bisogno del sostegno di tutti, sia che si tratti di donare qualche fondo sia che l’aiuto arrivi mettendosi a disposizione per terminare i lavori alla mensa, oppure occupandosi dei servizi nelle giornate d’apertura».

Quel che è certo, intanto, è che la nuova mensa voluta dall’associazione “Amici di vita nuova” e dall’operazione Mato Grosso, va a colmare un vuoto che si era aperto in questi mesi nel capoluogo di provincia: dopo la chiusura della mensa sociale del Comune di Sondrio, infatti, in città non esisteva più alcun servizio di questo tipo per i bisognosi dal lunedì al venerdì, dunque nei giorni infrasettimanali. Ogni domenica, invece, è in funzione la mensa della Caritas parrocchiale.

La nuova mensa dunque si preannuncia un servizio importante per il capoluogo di provincia in un periodo in cui le criticità a livello economico per varie famiglie e soggetti sono aumentate e un aiuto è dunque necessario per poter far fronte in maniera più facile a queste difficoltà.


© RIPRODUZIONE RISERVATA