«Amministrazione superficiale. Manca una visione generale»
Paolo Ronconi: il complesso del Sant’Antonio, tra ostello e auditorium, è uno dei punti caldi del confronto

«Amministrazione superficiale. Manca una visione generale»

Paolo Ronconi, capogruppo di “Morbegno è ora” dà l’affondo: «Dall’auditorium Sant’Antonio ai nonni vigile diventa tutto emergenza»

«Superficialità nell’azione amministrativa e mancanza di programmazione che non lascia spazio ai grandi temi di progettazione della città». È questo il succo delle valutazioni che il gruppo all’opposizione “Morbegno è ora” espone quale bilancio di un primo scorcio di mandato. Controllo, stimolo e verifica dell’operato della maggioranza ma anche un rinnovato lavoro di dialogo con la città sono i motivi di «soddisfazione per il lavoro che il nostro gruppo ha svolto in questo anno e mezzo di mandato. Crediamo di stare interpretando al meglio il mandato ricevuto dagli oltre 2.700 elettori che ci hanno scelto - ha detto il capogruppo Paolo Ronconi - la nostra azione è stata efficace anche nello stimolare i tempi dell’attività di governo, dalla questione Morbegno 2000 ad auditorium e chiostro di Sant’Antonio fino ai comitati di zona, sebbene ad oggi siamo ancora in attesa di un seguito alla proposta di base portata ai capigruppo quasi tre mesi fa».

Rispetto all’operato della maggioranza, la critica di fondo è quella di «superficialità nell’azione amministrativa, evidente nella tendenza a trovare sempre giustificazioni di fronte a nostre richieste. Si pensi alla questione dei nonni vigile, - spiega Ronconi - o al bando andato deserto per la gestione dell’auditorium che la maggioranza ha visto come risultato positivo perché ha evidenziato le difficoltà esistenti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA