“Amici di Ciro” compie dieci anni: si è regalata un campo e una casa
L’associazione nata nel 2008 addestra cani per impiegarli nei soccorsi

“Amici di Ciro” compie dieci anni: si è regalata un campo e una casa

Teglio, l’associazione presieduta da Ivan Piani conta su 21 volontari e 60 associati. La nuova area di addestramento dei cani da ricerca e la sede sono al lago di Somasassa.

Gli “Amici di Ciro” compiono dieci anni e, per l’occasione, si sono regalati un bellissimo campo per le attività e l’addestramento e una sede vicino al laghetto di Somasassa a Teglio. L’inaugurazione è avvenuta sabato pomeriggio, alla presenza dell’associazione nata nel 2008 con lo scopo prevalente di addestrare cani da soccorso per la ricerca di persone disperse sul territorio, oltre che sostenere e promuovere una cultura cinofila corretta con interventi educativi nelle scuole e con attività specifiche di formazione per aiutare chi ha un cane a gestirlo e condurlo in sicurezza. Attualmente sono 21 i volontari e 60 gli associati attivi del sodalizio.

«In realtà il decennale è caduto lo scorso anno, ma abbiamo aspettato che il nuovo campo fosse pronto per festeggiarlo - spiega Ivan Piani, presidente degli Amici di Ciro -. Era importante per noi poter contare su questa struttura che abbiamo realizzato con le nostre forze e le nostre risorse, lavorando ormai dall’ottobre 2017 tutti i fine settimana. Il campo si trova su terreni che abbiamo preso in affitto da due proprietari».

Ma cosa si svolgerà sul campo? «Sono tante le attività di educazione cinofila che portiamo avanti con le scuole - risponde Piani -. Ogni anno coinvolgiamo in media dai 200 ai 300 studenti di tutte le scuole della provincia, dalla primaria alla secondaria. Con i più piccoli in genere teniamo una prima lezione teorica in classe, cui segue una seconda giornata in campo dove si vede come addestrare un cane, come rapportarsi e interagire correttamente ad esempio nel caso si incontri un cane per strada senza rischiare di essere morsi. Con i ragazzi più grandi affrontiamo anche l’argomento della protezione civile. Avere un campo con bagni, corrente elettrica, kit di primo soccorso renderà questo lavoro più efficiente. Le nostre attività si rivolgono in primis agli associati, ma anche a tutta la popolazione, infatti spesso partecipiamo alle manifestazioni nelle piazze. Scopo dell’associazione è formare i cani da soccorso, ma anche diffondere una corretta cultura cinofila, perché il cane è sempre più un elemento presente nelle nostre famiglie, per cui è bene che i bambini, fin da piccoli, sappiano rapportarvisi».

Per gli associati gli Amici di Ciro predispongono annualmente un calendario di 25-30 incontri di diverso tipo. Il primo è avvenuto venerdì scorso, quando gli istruttori hanno tenuto una serata per i soci meno esperti e così si proseguirà per tutta l’estate, con una pausa nel mese di agosto, «perché bisogna lavorare tanto per essere operativi con cani da ricerca - sottolinea Piani -. Il percorso è lungo e bisogna impegnarsi». Sabato, dopo i discorsi di rito, c’è stata una dimostrazione di gruppo con dodici unità cinofile, che ha mostrato la competenza dell’associazione. Chi volesse informazioni o volesse partecipare alle attività trova gli Amici di Ciro nel fine settimana a Somasassa oppure può consultare il sito www.amicidiciro.it.


© RIPRODUZIONE RISERVATA