Altro pusher coltivatore: scoperto e arrestato
Gli stupefacenti e il materiale sequestrato durante l’ultimo blitz dei Carabinieri a Tirano

Altro pusher coltivatore: scoperto e arrestato

In casa aveva una vera e propria serra per le piantine di marijuana. Sequestrati 250 grammi di marijuana e 60 di funghi allucinogeni

Sembra proprio sia stato individuato un nuovo filone dello spaccio nel Tiranese, quello dei pusher di marijuana che producono da sé la droga da vendere ai consumatori del posto.

L’altro giorno le manette sono scattate a Sondalo, ieri pomeriggio a Tirano. Manette in senso metaforico, visto che l’indagato è stato sì arrestato, ma sottoposto semplicemente alla misura dei domiciliari.

I Carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Tirano, muniti del decreto di perquisizione domiciliare emesso dal sostituto procurare Giacomo Puricelli, hanno fatto irruzione in casa sua martedì pomeriggio e hanno trovato tutte le conferme dei sospetti che da tempo nutrivano su quel giovane.

All’interno dell’abitazione i militari hanno trovato 250 grammi di cannabis, 60 grammi di funghi allucinogeni e dieci piantine di marijuana alte tra i cinque e i trenta centimetri. Non solo: una stanza era stata attrezzata come una vera e propria serra. C’erano insomma tutti gli elementi per l’arresto in flagranza di reato.

Gli appostamenti dei giorni precedenti lasciavano pensare che in quella casa c’erano dei movimenti quantomeno sospetti. Da qui la decisione di procedere alla perquisizione.

Tutta la droga è stata posta sotto sequestro, così come tutto il materiale presumibilmente utilizzato per la coltivazione e la preparazione degli stupefacenti. In particolare, sono stati trovati dei ventilatori, degli umidificatori, lampade al neon e al sodio ad alta pressione, rivestimenti termici e riflettenti e alcuni aspiratori applicati alle pareti. Il tutto avrebbe la funzione di creare e mantenere le condizioni ideali per la coltivazione delle piantine.

Nello stesso locale c’erano anche delle confezioni di fertilizzanti, alcuni specifici proprio per la coltivazione delle piante cannabinoidi, oltre a vasi e terriccio da coltivazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA