Altri cinque nuovi contagiati  A Sondrio, Cosio, Bormio,  Grosio e Livigno
L’obiettivo è di contenere il contagio

Altri cinque nuovi contagiati

A Sondrio, Cosio, Bormio,
Grosio e Livigno

Il bilancio In tutto sono 11. I sindaci: «Sono situazioni sotto controllo»

Numeri ancora bassi per il territorio ma bisogna evitare il contagio

Cinque nuovi casi di positività al coronavirus sono stati accertati, in provincia di Sondrio.

Che vanno ad aggiungersi ai sei già censiti nei giorni precedenti.

L’ultimo in ordine di tempo un uomo di Cosio Valtellino: la comunicazione stata fatta dal sindaco Alan Vaninetti

“A Sondrio è stato riscontrato un caso di coronavirus: ne abbiamo avuto conferma nella tarda serata di ieri” scrive in una nota il sindaco Marco Scaramellini. “Sono stati immediatamente attivati i protocolli previsti: l’augurio è che si possa riprendere al più presto. La notizia non deve sorprendere né allarmare ma rafforza in noi la convinzione che le misure restrittive imposte sono necessarie. La situazione in città e nel resto della provincia è ancora sotto controllo, i numeri sono contenuti se paragonati a quelli di altre zone della Lombardia, ma dobbiamo impegnarci tutti affinché non si aggravi”

Oltre al caso di Grosio, di cui il sindaco, Gian Antonio Pini, ha informato la cittadinanza per il tramite lettera aperta pubblicata sul sito del Comune in cui ha fornito rassicurazioni circa le verifiche in atto da parte del personale dell’Ats della Montagna, una seconda persona positiva è stata censita a Livigno.

Si tratta di un turista, con seconda casa nel Piccolo Tibet, il quale si trova, ora, ricoverato in ospedale a Sondalo.

Quarantena

«Come sempre, la situazione è attentamente monitorata dalle autorità sanitarie - assicura Damiano Bormolini, sindaco del posto - per cui non vi devono essere motivi di allarme per la popolazione. Tanto più che, attualmente, nessuna persona della cerchia del paziente positivo si trova in paese». Ricordiamo che, sempre a Livigno, in quarantena è anche una 55enne del posto, risultata positiva al test alcuni giorni fa, dopo aver avuto febbre per un giorno. Ora la donna sta bene, ma, al pari dei suoi famigliari, si trova in isolamento in casa.

E, infine, un nuovo caso di positività è stato accertato ieri a Bormio, il primo in questa località, riferito ad un lavoratore, non bormino, ma, comunque, lì domiciliato, trovato positivo al test e ricoverato in ospedale a Sondalo. Di ieri sera la comunicazione del sindaco, Roberto Volpato, alla cittadinanza con la rassicurazione che « ogni aspetto legato al caso è costantemente monitorato dalle autorità competenti e coi più sinceri auguri di una pronta guarigione alla persona coinvolta».

In totale sono nove, quindi, le persone risultate positive al test, di cui quattro risultano ricoverate al Morelli di Sondalo. Ospedale cui stanno afferendo anche pazienti da fuori provincia, solo ieri, a titolo di esempio, un paziente vi è stata trasferito da Cremona con elicottero militare.

Si intuisce come di numeri piccoli, comunque, si tratta, se paragonati a quelli forniti nel tardo pomeriggio di ieri da Giulio Gallera, assessore regionale al Welfare, nella consueta conferenza stampa quotidiana.


© RIPRODUZIONE RISERVATA