Alta Valle, un autotrasportatore e i carabinieri rovinano la festa ai ladri

Alta Valle, un autotrasportatore e i carabinieri rovinano la festa ai ladri

L’ha colto sul fatto due uomini intenti ad aspirare del gasolio dal serbatoio del suo camion. I due si erano impossessati di una tanica e di un tubo in gomma flessibile trovati a bordo del camion in un vano porta-attrezzi del rimorchio.

La prontezza di riflessi di un autotrasportatore e la rapidità di intervento dei carabinieri hanno rovinato la festa ai ladri. Che però, ancora una volta, hanno preso di mira la nostra provincia. In particolare l’Alta Valle. L’intervento dei carabinieri della compagnia di Tirano è di lunedì notte. Lungo la bretella della Provinciale 27, compresa tra il centro abitato e la statale 38 un autotrasportatore del posto, mentre stava andando al lavoro, ha colto sul fatto due uomini intenti ad aspirare del gasolio dal serbatoio del suo camion. I due si erano impossessati di una tanica e di un tubo in gomma flessibile trovati a bordo del camion in un vano porta-attrezzi del rimorchio. Dopo aver aspirato un po’ di gasolio stavano tentando di versarlo nel serbatoio di una Porsche Cayenne con un imbuto artigianale di cartone fatto al momento. Vistisi scoperti, sono scappati a piedi nella vicina boscaglia in direzione di Tirano, abbandonando sul posto l’auto

Gli uomini del capitano Luca Mechilli (nella foto) hanno potuto accertare che la Porsche Cayenne abbandonata era stata rubata poco prima da un cortile di un’abitazione privata di Bormio, dove era stata lasciata parcheggiata aperta e con le chiavi a bordo.

Sui sedili posteriori della Porsche i militari hanno trovato due biciclette, una da corsa e una mountain bike, del valore complessivo di circa 6mila euro. Anche le bici sono risultate rubate da un negozio di biciclette di Bormio. Gli stessi carabinieri intervenuti, al momento della richiesta di intervento, si trovavano a Grosio per un sopralluogo dopo la segnalazione del furto delle bici. È stato così che hanno potuto ricostruire la dinamica e gli esatti movimenti dei due ladri di biciclette che si sono dati alla macchia. Anche se fossero riusciti a rubare il gasolio, comunque, non sarebbero potuti andare lontano, visto che la Porsche Cayenne che avevano rubato era alimentata a benzina. L’auto è stata posta sotto sequestro così come le due biciclette per una serie di rilievi. I carabinieri sottolineano l’importanza della collaborazione offerta dai cittadini e in particolare dall’autotrasportatore che non ha esitato un istante a richiedere l’immediato intervento di una pattuglia. Questa condotta ha fatto sì che i ladri si dessero alla fuga e che la refurtiva abbandonata venisse interamente recuperata per poter essere restituita. Proseguono le indagini per risalire agli autori della scorribanda.


© RIPRODUZIONE RISERVATA