Alpini pronti a ripartire  «Uniti sempre»
Gli alpini, abituati alle adunate e a lavorare in gruppo, hanno dovuto fare i conti con la separazione forzata del lockdown come tutti

Alpini pronti a ripartire

«Uniti sempre»

il presidente della Sezione Valtellinese di Sondrio dell'Ana: «La strada è in salita, la gente soffre»

«Attrezziamoci, la strada della ripartenza sarà stretta e in salita. Va percorsa con coraggio, con determinazione, con tenacia, con ostinazione e con spirito di sacrificio, la borsa degli attrezzi la troviamo nel grande e secolare patrimonio di valori. Insieme possiamo guardare con fiducia al nostro futuro».

È l’invito che il presidente della Sezione Valtellinese di Sondrio degli alpini, Gianfranco Giambelli, lancia attraverso “Valtellina Alpina”, il periodico, curato da Marino Amonini, che, nonostante la pandemia, è arrivato nelle case delle penne nere dallo Spluga allo Stelvio.

«Siamo precipitati in una situazione molto grave, purtroppo oggi ci troviamo in lockdown forzati, persone rinchiuse in casa, contatti umani ridotti, per molti, azzerati per tanti, troppi – afferma il presidente nel suo discorso iniziale -. Fra questi moltissimi anziani costretti all’isolamento per preservare la propria salute. Siamo alpini, anche in questa situazione dobbiamo essere un esempio nel rispetto delle disposizioni senza se e senza ma. Alpini presenti nella prima ondata, presenti anche ora, come sempre solidali con chi soffre, aiutando senza mai giudicare: questa è la nostra caratteristica, questa è la alpinità». Anche la vita associativa Ana di questo 2020 è stata stravolta, sono venuti a mancare quei momenti che d sempre contraddistinguono la grande famiglia alpina, lo stare insieme, incontrarci fra amici vicini e lontani, partecipare alle manifestazioni.

«I tempi cambiano in fretta, sono nate nuove forme di comunicazioni, tutti siamo coinvolti dai social, ma niente potrà sostituire un sorriso, un abbraccio, una stretta di mano e vedersi di persona – prosegue -. La gente esprime sentimenti di ammirazione per i valori che rappresentiamo e testimoniamo, quali la gratuità nel donarsi sempre, il senso del bene comune, l’unità e il senso di fratellanza».

La Sezione non si ferma. Programmata per il 28 febbraio 2021 al polifunzionale di Villa di Tirano l’assemblea ordinaria dei delegati. La rivista è l’occasione per fare il punto delle riunioni di zona, delle riunioni di protezione civile, si racconta un po’ di storia della sezione e di uomini e aziende con la alpinità dentro, di eventi svolti nel passato e nei mesi scorsi, delle novità dei gruppi. Una parte viene dedicata all’avvicinarsi del centenario dell’Ana Sezione Valtellinese nell’aprile del 2022,


© RIPRODUZIONE RISERVATA