Alluvione, la cerimonia di martedì 18: ecco tutto il programma
Il Mallero rischia di uscire dagli argini a Sondrio

Alluvione, la cerimonia di martedì 18: ecco tutto il programma

Nella mattinata di martedì prossimo si svolgerà, nella frazione di Aquilone del comune di Valdisotto, la cerimonia celebrativa del trentennale dell’alluvione in Valtellina, per la quale è prevista la partecipazione del presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Il 18 luglio del 1987 la Valtellina, giù travolta e sommersa dal fango, fece i conti con la tragedia in Val Tartano e contò le sue prime, e numerosissime, vittime. Nella mattinata di martedì prossimo si svolgerà, nella frazione di Aquilone del comune di Valdisotto, la cerimonia celebrativa del trentennale dell’alluvione in Valtellina, per la quale è prevista la partecipazione del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

L’appuntamento avrà inizio alle 11 con la deposizione della corona alle vittime della tragedia, con la lettura dei saluti delle autorità presenti e di una poesia da parte di una bambina, dedicata alle giovani vittime.

Dopo che la corale della parrocchia di Cepina avrà cantato “Il Signore delle cime” saranno consegnate, in tre momenti distinti, dal prefetto Giuseppe Mario Scalia le targhe alle istituzioni centrali, gli attestati in memoria ai familiari delle vittime e quelli di benemerenza agli enti e organismi locali. Tutto ciò quale contributo per la determinante attività di soccorso e assistenza alle popolazioni colpite dalla tragedia. Alla consegna delle 12 targhe alle istituzioni centrali, seguirà la Santa Messa prevista alle 12 e celebrata dal vescovo Oscar Cantoni, al termine della quale saranno citati i nominativi di tutte le vittime, compresi quelli della Valle Brembana.

Al termine della cerimonia commemorativa, si terrà a Lovero l’inaugurazione del Centro di formazione di Protezione civile, realizzato dall’Associazione volontari di Protezione civile del gruppo A2A e provvisto di una sala operativa attivabile nel caso di emergenza dichiarata. A2A, a cui il prefetto ha rivolto un ringraziamento, offrirà a tutti i presenti un momento di convivialità. A conclusione della giornata, alle 21, si svolgerà nella tensostruttura di Sondalo il concerto “Gocce di musica”, organizzato da Bandainsieme di Sondalo e Filarmonica Bormiese. «Il percorso musicale - si legge nel comunicato diffuso dalla Prefettura - idealmente vuole accostare ad alcune immagini e poche parole, l’emozione che solo la musica sa dare, lasciando che essa tocchi in modo diverso il cuore di ciascuno di noi.

Per l’accesso all’area interessata all’evento è stato allestito un parcheggio, raggiungibile dalla statale 38, uscita “Sondalo-Le Prese” o attraverso la strada comunale che passa per la chiesa di San Bartolomeo. Saranno presenti indicazioni e personale dedicato. L’accesso al parcheggio sarà consentito fino alle 10. Nel parcheggio sarà attivo, dalle 8,30 fino alle 10,30, un servizio navetta messo a disposizione dalla Comunità montana Alta Valtellina di Bormio, che consentirà il trasporto fino al luogo dove si terrà la cerimonia. Il servizio navetta riprenderà alle 12.

Coloro che intendano partecipare alla cerimonia potranno raggiungere il sito anche a piedi, passando per la località Tola. Per tale circostanza, la strada provinciale n. 27 sarà chiusa al transito dal km. 24+400 al km. 26+800 dalle ore 8.00 alle 14.00. La statale 38 rimarrà, invece sempre aperta al transito con le limitazioni ordinarie previste dal Codice della strada.

Il prefetto «auspica vivamente una presenza di pubblico nutrita - aggiunge il testo -, che dimostrerebbe sia le doti di alta sensibilità ed attenzione del mondo valtellinese e valchiavennasco sia il rispetto del momento celebrativo che lo impone, nonché si avvalorerebbe che, in fondo, dalle macerie è risorto il “Vostro Bellissimo Mondo”, per l’encomiabile sacrificio e impegno non comune profuso».

In merito il prefetto invita tutti i sindaci e tutti i cittadini della provincia «a rendersi partecipi e promotori per una giornata che si rivesta di un grande senso civico».


© RIPRODUZIONE RISERVATA