Allo Stelvio la neve è un prodotto hi-tech
Lo staff che ha installato l’impianto “Snow4ever” allo Stelvio

Allo Stelvio la neve è un prodotto hi-tech

Test superato per l’impianto che produce neve artificiale anche sopra lo zero termico e senza additivi chimici.

C’è stata neve anche a Ferragosto, al passo dello Stelvio, grazie all’innovativo sistema di innevamento sopra lo zero termico. Se quest’estate le condizioni meteo sono state tutto sommato favorevoli, a dare una mano in più, ad impiantisti e appassionati del circo bianco, è stata la macchina testata il mese scorso in alta quota.

“Snow4ever” - questo è il suo nome - è sviluppato dall’impresa NeveXN, che ha sede nel Polo Meccatronica di Rovereto, insieme a Demaclenko, azienda produttrice di impianti di innevamento del gruppo Leitner. Grazie a loro e a una perfetta tecnologia, sfruttando i principi della termodinamica, il brevetto della startup nata nell’incubatore hi-tech di Trentino Sviluppo, permette di produrre cristalli di neve di elevata qualità anche ben al di sopra dello zero termico. Nei giorni scorsi, Snow4ever ha infatti permesso l’innevamento del collegamento tra l’arrivo della funivia nella stazione sciistica e l’inizio dello skilift che porta in quota. Una vera e propria “manna dal cielo” la neve artificiale prodotta che ha permesso di poter godere di piste perfette, in pieno agosto, non solo ai tanti turisti e sportivi ma anche ad atleti di spicco come Sofia Goggia, Peter Fill e Christof Innerhofer impegnati nella preparazione estiva in vista della nuova stagione.

Da luglio, hanno fatto sapere dallo Stelvio, il dispositivo è posizionato accanto alle piste gestite da Sifas, la società capitanata da Umberto Capitani, e produce neve in modo completamente autonomo per preparare al meglio l’area sciistica con circa 300 metri cubi di neve alla settimana. La tecnologia all’avanguardia permette di produrre neve indipendentemente dalle temperature esterne e senza additivi chimici. Inoltre da sottolineare che, grazie a una semplice “app” installata sullo smartphone, questa tecnologia è visionabile da remoto, completamente automatica, e può essere facilmente integrabile in qualsiasi sistema di innevamento già esistente.


© RIPRODUZIONE RISERVATA