Allarme furti, messicani irregolari fermati ieri a Dubino

Gli stranieri sono risultati essere domiciliati a Milano, a riprova che il pendolarismo del crimine interessa sempre più e bande di criminali che superano i confini delle metropoli per cercare nuovi “territori” di conquista in periferia.

Li hanno trovati in auto con grimaldelli e attrezzi vari, per i quali non hanno saputo fornire una spiegazione plausibile, così, quattro messicani - tra loro anche una donna - sono stati portati in Questura per i controlli dai quali sono risultati irregolari sul territorio italiano.

Per loro è stata così attivata la procedura di espulsione, mentre l’auto e gli strumenti atti allo scasso sono finiti sotto sequestro. L’operazione porta la firma dei carabinieri di Chiavenna che ieri mattina stavano effettuando un giro di perlustrazione per le strade di Nuova Olonio, frazione di Dubino.

Dopo aver notato una Mercedes classe A che procedeva lentamente, quasi a voler dare il tempo agli occupanti di farsi un’idea di quali case fossero abitate e quali no. Appena fermata l’auto, i carabinieri si sono resi conto che il bollo dell’assicurazione era falso. Una volta trovati poi gli strumenti che solitamente servono ai ladri di appartamento per mettere a punto effrazioni, i militari hanno deciso di approfondire i controlli, accompagnandoli in Questura.

I quattro - un uomo di 29 anni incensurato, un connazionale di 32, un altro di 54 e una donna di 29 - sono stati denunciati per ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello stato e possesso ingiustificato di grimaldelli.


© RIPRODUZIONE RISERVATA