Acquafraggia, cascate a pagamento?  «Un ticket per limitare gli accessi»
Record di presenze lo scorso agosto alle cascate dell’Acquafraggia

Acquafraggia, cascate a pagamento?

«Un ticket per limitare gli accessi»

PiuroLa Comunità montana adotta un nuovo regolamento che prevede la possibilità

«In estate situazione ingestibile, va fatto qualcosa per tenere sotto controllo i flussi»

Un biglietto per accedere al parco delle Cascate dell’Acquafraggia. Quello che fino a pochi giorni fa sembrava impossibile, dalla prossima estate potrebbe diventare una opportunità concreta. Via libera dall’assemblea di Comunità Montana Valchiavenna al nuovo regolamento di gestione del monumento naturale di Borgonuovo di Piuro.

Il vecchio regolamento risaliva al 1985, ma nel frattempo tutto è cambiato. Soprattutto l’area è diventata la massima attrazione turistica della Valchiavenna durante la bella stagione. Migliaia di persone che, soprattutto nei fine settimana, arrivano e invadono il parco sotto la cascata. Con notevoli problemi, ovviamente. Una situazione diventata ingestibile, come ammesso dalla stessa amministrazione comunale di Piuro.

La soluzione

La soluzione trovata potrebbe essere il biglietto d’ingresso. Si tratta di una possibilità. Spetterà agli enti gestori, cioè Comunità Montana e Comune di Piuro, decidere se utilizzare o meno. E quando. Il nuovo regolamento prevede che l’opportunità possa essere sfruttata solo in coincidenza con momenti particolari.

Che possono essere i ponti primaverili, Ferragosto o i fine settimana estivi. C’è ancora un ostacolo, però. Il nuovo regolamento dovrà ottenere il via libera dalla Regione Lombardia, essendo il monumento delle Cascate dell’Acquafraggia un bene protetto a livello regionale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA