Mercoledì 09 Ottobre 2013

Accordo con i privati

Disco verde per il parcheggio

L’area dove sarà realizzato il nuovo parcheggio

Dovevano esserci case popolari, ci nascerà un parcheggio. Accordo di massima raggiunto tra l’amministrazione comunale di Chiavenna e la società privata Im.Co. Srl di Dubino per la realizzazione sull’area di proprietà pubblica posta tra via Quadrio e via Rezia di un parcheggio. Area di sosta, dotata di verde attrezzato, che sarà in parte a uso pubblico e in parte privata.

Un programma integrato di intervento che prevede su un’area complessiva di 1820 metri quadrati la realizzazione di un parcheggio da 350. Costo dell’operazione 152mila euro, che saranno interamente coperti dagli investitori privati. La parte spettante all’amministrazione è quella riguardante la cessione dei terreni. Terreni che nel piano di governo del territorio chiavennasco dovevano essere destinati a edilizia residenziale pubblica.

A maggio di quest’anno il consiglio comunale aveva deliberato di confermare la destinazione prevista nel Pgt, ma poi è arrivata la doccia gelata. La destinazione nel Pgt nasceva da un possibile accordo con l’Aler, che però ha poi rinunciato all’iniziativa.

Vista l’attuale situazione del bilancio comunale difficilmente a quel punto il comune avrebbe potuto trovare le risorse sufficienti alla realizzazione dell’intervento di edilizia residenziale. L’area, peraltro, è l’unica di proprietà pubblica in una zona a vocazione residenziale priva di parcheggi pubblici. Una concomitanza di situazioni che ha indotto la giunta guidata dal sindaco Maurizio De Pedrini ad accettare la proposta dei privati.

Viale Maloggia ha da sempre problemi di posti auto pubblici e con la nascita del grande complesso residenziale in corso di realizzazione all’imbocco di Poiatengo la situazione rischia di diventare critica andando ad influire anche sulla, abbastanza limitata, quantità di parcheggi disponibili nel centro storico.

Si tratta, comunque, solo del primo passaggio formale. L’amministrazione ha dato mandato agli uffici di approfondire la questione. In particolare per una stima dell’area di proprietà comunale oggetto della concessione e per la verifica del progetto per quanto riguarda la parte a parcheggio pubblico. Gli ultimi due interventi di edilizia popolare a Chiavenna, dove nonostante la crisi i prezzi degli alloggi non hanno subito flessioni negli ultimi anni, risalgono ormai a qualche anno fa. Oltre al grande complesso realizzato alle Giavere del Liro ormai una decina di anni or sono, sono stati costruiti un numero limitato di alloggi nell’edificio ex Eca di Prato Bazzi.

© riproduzione riservata