Domenica 16 Maggio 2010

Rapine a quattro banche:
in manette due banditi

AROSIO - Non lo sapevano che, nel loro tour per gli istituti di credito tra la Brianza comasca, le province di Lecco, Sondrio e Lodi, si portavano a spasso anche alcuni agenti in borghese della squadra mobile di Como. Che li tenevano d'occhio, annotavano ogni loro spostamento e ascoltavano pure le loro - e quelle di altri - chiacchiere al telefono. È un carico da novanta, quello che gli inquirenti comaschi piazza sulle spalle due volti molto noti alle forze dell'ordine, destinatari di un'ordinanza di custodia cautelare per ben quattro differenti rapine messe a segno Arosio, Carugo, Suello e Cassago Brianza. Il plico di accuse ha raggiunto, in carcere, Gianpaolo Agrati, 39enne di Vimercate ma domiciliato a Monticello Brianza, e Roberto Fantinato, 38enne di Sesto San Giovanni.
Sulla coppia di rapinatori gli uomini della squadra volante della questura lariana avevano iniziato a indagare nella primavera dello scorso anno, quando la loro presenza all'esterno di numerosi istituti di credito in giro per il nord Lombardia aveva fatto crescere il sospetto che quell'interessamento per l'edilizia bancaria non fosse disinteressata, ma che si trattasse di sopralluoghi per organizzare assalti a mano armata. Proprio come avvenuto il 13 ottobre 2008 alla Popolare di Sondrio di Carugo, quando i due - assieme ad un complice - riuscirono (secondo le accuse) a farsi consegnare 12mila euro in contanti; oppure il 14 aprile 2009, quando alla banca d'Intesa di Arosio il bottino fu di 12.800 euro; ma anche Popolare di Sondrio a Suello (rapina da 4.500 euro ed ostaggio, la povera Manuela Invernizzi, nel febbraio 2009) e altra Popolare di Sondrio di Cassago Brianza (15.200 euro nel marzo 2009). Non le sole rapine contestate alla coppia milanese, a casa dei quali i poliziotti hanno trovato pure due pistole.

m.schiani

© riproduzione riservata