El Euchi campione regionale. Vince il titolo dei pesi massimi
Paolo Marchi, Manuel Giumelli, Francesco El Euchi e Gianfranco Lalli

El Euchi campione regionale. Vince il titolo dei pesi massimi

Il portacolori della palestra Inferno batte in finale Gbahou per ko. «Per me non è un punto di arrivo, ma di partenza. E adesso gli Italiani»

Francesco El Euchi, peso massimo della Boxe Inferno, riporta in Valtellina un titolo regionale di pugilato. Quattro anni fa l’impresa era stata compiuta dal compagno di scuderia Emanuele Pasini nella categoria fino a 64 kg.

Fine settimana intenso alla palestra della Grignani Boxe di Lodi n per il pugile guidato dai maestri Gianfranco Lalli e Manuel Giumelli, impegnato nella categoria fino a 91 kg. Sabato la difficile semi finale vinta ai punti contro Cesare Carboni Cesare (Forza e Coraggio di Milano), pugile più esperto e ancora più alto del longilineo portacolori della Valtellina,

Domenica la finale. A cercare di sbarrare la strada a Francesco nella corsa al titolo Regionale c’era Steve Gbahou della Pugilistica Cremasca, reduce dal successo in semifinale per abbandono dell’avversario. Un incontro da affrontare con sangue freddo, evitando di farsi coinvolgere in una bagarre nella quale ci sarebbe stato soltanto da perdere. Ma El Euchi non ha commesso nessun errore, mantenendo sempre il controllo del confronto, nonostante l’incredibile massa muscolare e la straripante fisicità del potente rivale di origine africana. Dopo aver messo a segno un paio di ganci sinistri dalla lunga distanza, il valtellinese ha trovato il bersaglio ancora una volta un ampio gancio sinistro, scuotendo Gbahou e costringendo l’arbitro al conteggio. Niente da fare per il pugile di Crema: al termine del conteggio l’arbitro ha deciso fermare l’incontro. Ko ed esplosione di gioia all’angolo del valtellinese. Alla trasferta di Lodi, il peso massimo era accompagnato non soltanto dai tecnici Gianfranco Lalli e Manuel Giumelli che ne hanno curato la preparazione e che lo hanno assistito all’angolo durante i combattimenti, ma anche dal presidente della Boxe Inferno Paolo Marchi.

«Per me non è un punto di arrivo, ma di partenza. Farò del mio meglio anche agli Italiani» il commento a caldo del nuovo campione regionale dei massimi, atteso adesso alle fasi nazionali di metà maggio. Una curiosità: il vincitore della categoria dei supermassimi, oltre i 91 kg, è il sestese Andrea Hoz con il quale El Euchi aveva pareggiato a Bollate lo scorso mese di dicembre.

Insomma, un torneo regionale più che positivo per la società che ha sede alla Piastra di Sondrio. «Sono contentissimo: Francesco ha dimostrato di avere carattere» si è lasciato scappare il maestro Gianfranco Lalli, solitamente molto meno prodigo di complimenti. Felice anche l’altro tecnico, Manuel Giumelli , che se la cava con una battuta, ricordando il fatto che El Euchi, Carabiniere in servizio alla stazione di Sondalo, viene da Milano ed è di origine palermitana: «Ha imparato a picchiare così e a vincere dopo aver assaggiato i pizzoccheri, pensate cosa potrà fare dopo aver provato la taragna!».

Il presidente Paolo Marchi sottolinea invece il lavoro svolto dal proprio pugile e da tutto il team in questi anni. «Complimenti sinceri a Francesco per il risultato ottenuto grazie al costante impegno alla dedizione e alla passione che ci mette - il commento del massimo dirigente del sodalizio sondriese -. Un ragazzo serio, simpatico e intelligente che potrà ottenere altri importanti risultati. Da presidente però devo evidenziare che i risultati dei nostri atleti (difficilissimi da ottenere per una associazione come la nostra per vari motivi: logistici, di numeri, di costi ecc.) sono il frutto anche del lavoro di tante persone che per passione ci aiutano costantemente a portare avanti il pugilato in Valtellina e a far crescere la Boxe Inferno. I tecnici Lalli e Giumelli in primis, ma non solo. L’elenco è veramente lungo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare