Bormolini manca solo l’acuto. E ora lo show si sposta a Livigno
Maurizio Bormolini, tra i più veloci al mondo, ancora alla ricerca della continuità

Bormolini manca solo l’acuto. E ora lo show si sposta a Livigno

L’azzurro eliminato agli ottavi nel parallelo di Coppa del Mondo. Prima però era stato capace di mettere a segno il migliore tempo assoluto

Maurizio Bormolini, che peccato. Era partita alla grande la tappa di Coppa del Mondo di Bad Gastein per il giovane azzurro di Livigno Maurizio Bormolini.

Al termine della fase eliminatoria dello slalom parallelo andata in scena nel pomeriggio sul bel pendio tedesco, il campione italiano, 22 anni, aveva fatto segnare il miglior tempo assoluto, un dato importante in questa specialità, che faceva presagire a una serata memorabile.

Invece sotto i riflettori della pista Bucheben di Bad Gastein, l’alpino dell’Esercito, agli ottavi di finale, non ha passato il turno superato dal russo Kostantin Shipilov, più regolare nella run rispetto a Bormolini, partito con linee troppo rotonde e poi incappato in una insicurezza alla quarta porta del tracciato che gli ha fatto perdere terreno sull’avversario, successivamente più recuperato.

Per Bormolini comunque, in virtù del best time nelle qualifiche, una 9a piazza generale, un risultato tra i top ten che in parte lenisce il rammarico per una condizione ottimale e non sfruttata al meglio. Una serata, quella di martedì, memorabile per la Nazionale italiana guidata anche dall’ex azzurro di Livigno, Rudy Bormolini, visto che la vittoria della gara maschil se l’è aggiudicata l’azzurro altoatesino, Christoph Mick.

Il poliziotto delle Fiamme Oro di Moena ha ottenuto il secondo successo della carriera dopo quello ottenuto a Cortina nel dicembre 2015 con una prova di alto profilo tecnico che gli ha consentito di battere nella big final lo svizzero Kaspar Fluetsch, mentre in semifinale era stato l’austriaco Andreas Prommegger a finire sotto i suoi colpi, così come il russo Konstantin Shipilov e l’altro austriaco Alexander Payer nei quarti e negli ottavi.

Nella classifica finale Aron March chiude sesto e si porta a casa 400 punti, Bormolini 9°, Messner 13° e Fischnaller 16°. In campo femminile la vittoria e’ andata all’austriaca Daniela Ulbing davanti all’olandese Michele Dekker e all’altra austriaca Sabine Schoeffmann, 9a e fuori nei quarti di finale Nadia Ochner.

Notizia dell’ultima ora, nelle date del 20 e del 21 gennaio, sarà proprio Livigno a ospitare due slalom giganti paralleli di Coppa Europa. Gli appassionati della specialità non avranno di certo dimenticato le fredde serate del gennaio 2015, quando sulla pista della Scuola Centrale di Livigno, il beniamino di casa Maurizio Bormolini vinse le due tappe continentali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA