Dagli scavi affiora la “moneta Cristina”
L’antica moneta rinvenuta a Piuro

Dagli scavi affiora la “moneta Cristina”

Ieri alle 17 è stata trovata dagli studenti dell’Università di Verona nella zona del “Mot del castel”, nei pressi di Scilano, a Piuro

Ecco la prima moneta della nuova campagna di scavi archeologici a Piuro. Ieri alle 17 è stata trovata dagli studenti dell’Università di Verona nella zona del “Mot del castel”, nei pressi di Scilano.

Secondo le prime informazioni fornite dagli esperti, potrebbe risalire addirittura al Cinquecento, in ogni caso a prima della frana del 1618.

A Piuro si è subito deciso di intitolarla alla Regione Lombardia e in particolare all’assessore alla Cultura Cristina Cappellini. Si chiamerà, quindi, “moneta Cristina”. Non è l’unico elemento interessante, visto che nei giorni scorse si sono trovate varie stratificazioni del terreno e un torchio nei pressi dell’antico palazzo di Belfort. Nei prossimi giorni l’equipe del professor Fabio Saggioro e i responsabili di enti locali e associazione per gli scavi faranno il punto sui primi risultati. L’ultimo ritrovamento di monete risale al 1988: quello però fu un episodio fortuito nella Mera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA