Domenica 01 aprile 2012

Dubino, porta a Roma
la sua tegola solare

DUBINO - Energia dalle tegole. Il prodotto realizzato da Enzo Coduri, imprenditore di Pianello del Lario attivo nell'area industriale di Nuova Olonio a Dubino, lunedì sarà protagonista nello studio romano di Geo&Geo, programma di divulgazione scientifica di Rai 3.

Coduri avrà modo di presentare la tegola solare New Roof. L'idea di Coduri rivoluziona il concetto di intendere la casa e ne trasforma il tetto da semplice riparo a una vera e propria superficie tecnologica.
Quella di Coduri, infatti, è una grande tegola di copertura tradizionale. Le dimensioni sono più elevate rispetto a quelle attuali, ma si posano allo stesso modo. Non sono quindi necessari costi aggiuntivi rispetto a un normale intervento e non si rilevano differenze architettoniche. Le novità ci sono, però.

Al suo interno sono presenti componenti  assorbitori di energia termica e celle fotovoltaiche che permettono di ottenere acqua calda e energia elettrica. Senza pannelli. «Questi sistemi consentono di ottenere un'armoniosa integrazione architettonica attraverso un prodotto di dimensioni contenute, leggero ed efficiente - spiega -. Il montaggio è semplice e intuitivo sia per il collegamento con le tegole di copertura, sia per il collegamento all'impianto di ricircolo o all'impianto elettrico. Si salvaguardano l'efficienza e i costi sono in linea con quelli dei pannelli, a volte con evidenti vantaggi».

Coduri ha potuto contare in diversi momenti sul supporto della Regione. «Operare in provincia e soprattutto in Lombardia è un valore aggiunto. In occasione del Working Capital di Torino  - il premio all'innovazione sostenuto da Telecom - mi sono confrontato con altri imprenditori italiani e le possibilità offerte dal nostro territorio sono notevoli. Si va dai voucher per la ricerca di mercato e i brevetti al sostegno all'export con personale e strutture a disposizione. Il vero problema, presente tanto nella nostra provincia quanto nell'Italia intera, è quello dell'accesso al credito. Se si vuole che un'idea innovativa si sviluppi e si trasformi in una produzione vera e propria in loco c'è bisogno di poter ottenere dei finanziamenti. Oggi se sei una start-up gli istituti di credito non ti fanno neanche entrare».

Nonostante le difficoltà, Coduri conferma quanto di buono sta avvenendo in Italia nel settore delle energie alternative. «Nel 2011 sono stati installati circa 9 gigawatt di potenza fotovoltaica, abbiamo fatto meglio della Germania. La produzione annuale ormai è paragonabile a quella di una centrale nucleare. Prodotti come la tegola solare New Roof seguono il percorso indicato dal IV conto energia, ovvero soluzioni innovative e architettonicamente integrate, premiate con incentivi ventennali, oltre a risparmi sulle bollette che possono raggiungere l'80%».

l.begalli

© riproduzione riservata